Giornata Internazionale contro la violenza sulle donne. Convegno della CRI Benevento

24 Novembre, 2016, 23:30 | Autore: Ubaldo Insinga
  • SVERGOGNATI- femminicidio e violenza sulle donne

Cosenza - Appuntamento in piazza XI settembre a Cosenza dalle 10 alle 19 nella Giornata Internazionale contro la violenza alle donne, le imprenditrici agricole di Confagricoltura Donna Calabria rinnovano a Cosenza, la IV edizione dell'iniziativa "Clementine Antiviolenza".

Alle 18.30 è previsto un incontro aperto a tutti del quale saranno protagoniste le donne e le loro storie, insieme ai contributi e alle testimonianze di: Emanuela Valente - Fondatrice Osservatorio sul Femminicidio In Quanto Donna, Barbara Cerusico - Presidente Associazione Donne per la Sicurezza, Luana Campa - Avvocato e Criminologa, Veronica Pigozzo - Blogger Letterario "Romance and Fantasy for Cosmopolitan Girls", Fabrizio Cerusico - Medico Ginecologo, Domenica Lanna - Psicologa e psicoterapeuta familiare, Erika Iannucci - Avvocato Penalista e legale Associazione Donne per la sicurezza.

L'autrice Elena Bellei ha costruito 3 monologhi che si basano sui materiali raccolti dagli operatori del Centro dell'Ausl di Modena "Liberiamoci dalla violenza" che si occupa della cura degli uomini violenti e maltrattanti. Condotte in un luogo nascosto nelle vicinanze furono torturate, massacrate a colpi di bastone e strangolate, per poi essere gettate in un precipizio, a bordo della loro auto, per simulare un incidente.Perché le scarpe rosseDiventate ormai simbolo della Giornata contro la violenza sulle donne, le scarpe rosse furono utilizzate per la prima volta dall'artista messicana Elina Chauvet in un'installazione artistica pubblica davanti al consolato messicano di El Paso, in Texas, per ricordare le centinaia di donne uccise nella città messicana di Juarez. È questo il tema scelto per l'incontro promosso dal Liceo Linguistico e delle Scienze Umane di Palmi per celebrare la giornata internazionale per l'eliminazione della violenza sulle donne. All'evento parteciperanno anche alcune associazioni che si occupano di tutela delle donne, assieme al personale dell'Ospedale "G.B".

"Dire no alla violenza sulle donne vuol dire battersi in nome della dignità umana - afferma il sindaco Giorgio Zinno - e portare avanti una battaglia in nome della civiltà e di quei principi e valori che anche oggi, nella società contemporanea, vengono spesso calpestati".