Casa » Sport

Gp Abu Dhabi, Hamilton davanti a Rosberg nelle prove libere

26 Novembre, 2016, 18:14 | Autore: Ave Pintor
  • Raikkonen

Ma nella mente di Nico c'è un tarlo che lo agita, e che nelle ultime gare gli ha fatto adottare la politica del braccino, sempre al risparmio nei confronti di Lewis che non ha nulla da perdere. Ora, due anni dopo, ci riprova.

Con il weekend di Abu Dhabi si chiude ufficialmente la stagione di Formula 1. Ogni giorno decine di live da tutto il mondo. Ciò ha portato acqua al mulino di quanti sostengono che il "tedesco" Rosberg sia stato favorito dal team rispetto all' "inglese" Hamilton. Questo il compito di Lewis Hamilton.

Nico Rosberg partirà dalla prima fila nel decisivo Gran Premio di Abu Dhabi. La sorpresa sono le Mercedes. E se qualche ragazzino in cerca di gloria lo speronasse alla prima curva?

Ancora una volta è Toto Wolff a gettare acqua sul fuoco e a rispondere al suo pilota per sua natura recalcitrante: "Trovo straordinario come i nostri due piloti riescano a mantenere un rapporto professionale, mettendomi nei loro panni posso immaginare che la pressione sia immensa". All'altro rimarrà solo la delusione incolmabile di avere perso una gara che -in fin dei conti- aveva solo due concorrenti. Chi si aspettava il solito sfoggio di potenza delle astronavi Mercedes è andato deluso. Rosberg si avvicina, portandosi a 79 millesimi di distacco. "E poi Rosberg è tutto tranne che tedesco, è italiano quando va sul podio a Monza, è inglese quando parla in TV, parla poi spagnolo, finlandese, è un cosmopolita che difficilmente si associa a un tedesco". Il pilota olandese della Red Bull ha commesso un errore nel suo ultimo giro veloce alla curva 11 e questo gli è costato certamente qualche posizione. Oggi, però, è il sabato del Villaggio e tutti si godono l'atmosfera dell'attesa della grande Festa.

La prima parte di qualifica ha visto l'eliminazione delle due Sauber e delle due Toro Rosso. Voci di corridoio dicono che il tradizionale saluto prefestivo non si farà, o almeno non si farà in pompa magna, come il Cavallino aveva abituato. Sicuramente non gli mancano i danari per imbastire un pranzo festivo, né è all'oscuro della potenziale caduta d'immagine di un simile gesto. In poche parole l'unica residua speranza di vincere il titolo per Hamilton, è quella di arrivare primo in Qatar e sperare che Ferrari o Red Bull facciamo un miracolo, o che (poco sportivamente), Rosberg abbia problemi con la sua monoposto.