Piena del Po in Lombardia, in crescita livello Lago Maggiore

27 Novembre, 2016, 00:50 | Autore: Abelardo Magnotti
  • Piena del Po in Lombardia, in crescita livello Lago Maggiore

Al Ponte della Becca (Pavia) il livello e' in crescita e ha superato la moderata criticita'. Anche la Liguria è stata messa a dura prova dalla pioggia abbattutasi ieri, e per questo la Regione si è trovata nella condizione di chiedere lo stato di emergenza.

SITUAZIONE DEI FIUMI - I fiumi sul territorio lombardo sono attualmente in calo non avendo mai raggiunto la soglia di moderata criticita'. Dopo il transito a Pavia, l'ondata di piena dovrebbe arrivare a Piacenza in nottata e a Cremona nella giornata di domani, domenica 27 novembre. Seguiranno aggiornamenti circa l'evoluzione della piena.

Per quanto riguarda l'andamento di fiumi e laghi, il Po è in crescita, l'onda di piena è ancora in transito nel territorio piemontese. Nella zona PO1 si attende una diminuzione dei livelli, con ritorno alla moderata criticita' (codice arancione) dal pomeriggio di oggi 26 novembre. Il fiume che si sta ingrossando è il Tanaro, un affluente del Po, e dalla mezzanotte scorsa il rischio idraulico è stato segnalato nelle zone del Po fino alla confluenza con il Ticino e, in "ordinaria criticità" fino alla confluenza con il fiume Lambro.

Il Comune di Piacenza informa che, mentre la situazione viene monitorata costantemente dai tecnici di Protezione Civile, è stata siglata l'ordinanza che prevede, in caso di esondazione del fiume Po, l'istituzione del divieto di circolazione e di sosta nel tratto di via Nino Bixio compreso tra via Finarda e via Del Pontiere, nella stessa via Del Pontiere, in via Mussi, via Foppiani e nel tratto di via Diete di Roncaglia compreso tra via Nino Bixio e il cavalcaferrovia, nonché lungo le sommità arginali comprese nel territorio comunale. Sono in atto le verifiche sugli argini maestri del Po, argini secondari e sulle chiaviche adibite allo scarico del reticolo secondario.

Attualmente a piu' 36 ore e' prevista la criticita' elevata su tutto il Po piemontese. L'Agenzia ha raccomandato tutti gli Enti gestori dei ponti e attraversamenti di volersi attivare per il mantenimento delle sezioni d'alveo in corrispondenza dei manufatti di propria competenza e delle zone limitrofe, eliminando ogni ostacolo rappresentato dal materiale solido galleggiante o trasportato depositatosi nei pressi delle strutture suddette. In provincia di Pavia sono impiegati 45 volontari per il monitoraggio e l'assistenza al traffico nei 2 ponti chiusi (ponte Becca e ponte Gerola). L'avviso di criticita', il numero 73 delle ore 13, vale anche comune comunicazione per i rischi con il codice giallo (ordinaria criticita').