Oceania: intervista ai doppiatori italiani del film

30 Novembre, 2016, 00:31 | Autore: Cleonico Iarussi

Il cambiamento di rotta che la Disney sta compiendo è di certo lento ma costante. Incontrerà il semidio Maui (Dwayne Johnson) e, insieme a lui, attaverserà l'Oceano Pacifico in un viaggio ricco d'azione. Gli utenti potranno essere anche loro protagonisti di quest'avventura grazie al concorso "Sogna Oceania", con il quale Disney Italia mette in palio moltissimi premi in modalità 'instant win' e un grande premio finale. I principali brani originali in inglese sono interpretati da Alessia Cara, Jordan Fisher e Lin-Manuel Miranda. "Comunque non scommetterei sull'assenza di storie d'amore nei futuri film Disney, è solo che in questo caso la romance non si adattava a quello che avevamo in mente". E i due registi Ron Clements e John Musker, ieri a Roma per presentare la loro ultima fatica costata 5 anni di lavoro, ne sono perfettamente coscienti: "Volevamo una badass princess, una principessa sfrontata - dice Musker, che con il collega ha diretto capolavori Disney come "La Sirenetta", "Aladdin" o "La principessa e il ranocchio" - che fosse fisicamente molto prestante e soprattutto in grado di reggere il mondo sulle proprie spalle". La prima parte del film è dunque incentrata sul conflitto tra Vaiana e suo padre che, reduce di una passata esperienza tumultuosa, le vieta categoricamente di oltrepassare il rift ed imbarcarsi nell'oceano. Ad incoraggiarla Nonna Tala, una donna stravagante che ama ballare con le onde del mare e che alla sua nipotina preferita rivela perché quel popolo di navigatori, il suo popolo, ha improvvisamente smesso di andare per mare ad esplorare. Non possiamo far altro che attendere con impazienza, dopo la visione del film, una continuazione delle avventure di Vaiana e Maui, le vere stelle dell'animazione di quest'anno.

Meno travolgente di Frozen ma sicuramente più originale di Rapunzel, Oceania ribadisce la supremazia 'principesca' dell'animazione Disney, qui ancora una volta in salsa musical e per tutta la famiglia, ma senza mai osare particolarmente nello sviluppo della trama e/o nel delineare i propri personaggi, evidentemente stereotipati al cliché disneyano.

Se le primissime critiche al film erano state indirizzate al fisico di Maui, che suggerirebbe uno stereotipo di uomo sovrappeso, fa sorridere che invece ci si trovi davanti a un personaggio sempliciotto, coperto di tatuaggi viventi 2-D che rimbalzano all'occasione intorno ai suoi pettorali.

Oceania sarà distribuito nelle sale cinematografiche nostrane a partire dal 22 dicembre 2016.

Presenti in sala anche Matt & Bise, la coppia comica tra le più seguite nel mondo degli youtubers, Francesco Sole e Gordon, presentatori e noti youtuber, che con Sergio Sylvestre sono stati protagonisti di "Alla Scoperta di Oceania" un emozionante viaggio presso Le Isole di Tahiti sulle tracce di Vaiana, la coraggiosa protagonista del film. In molte lingue polinesiane Moana, nome originale del personaggio, significa oceano, mentre Vaiana in tahitiano significa acqua di grotta. Fra le voci italiane, Chiara Grispo, Angela Finocchiaro, Raphael Gualazzi, Rocco Hunt e Sergio Sylvestre.(ANSA). "All'ultimo c'è proprio l'incontro tra la bambina e la natura che è qualcosa di molto significativo: è come se una bambina risolvesse i problemi che attanagliavano l'isola, e questo è molto molto significativo".