Mario Draghi: "La crisi dell'Eurozona è superata, ripresa sempre più ampia"

21 Mag, 2017, 04:32 | Autore: Nazario Acquaviva
  • Mario Draghi:

"La domanda interna, sostenuta dalla politica monetaria della Bce, è il motore principale dela ripresa". Ci sono cinque milioni di occupati in più, ora, rispetto al 2013, e il tasso di disoccupazione, sebbene ancora troppo elevato, è al minimo in otto anno.

In base a tale regola, Barclays fa notare che se continuerà a mantenere invariato il QE al valore attuale (che nel complesso è sceso a partire da aprile da 80 miliardi di euro di bond acquistati ogni mese a 60 miliardi), la Bce sfonderà al rialzo la soglia prevista per le partecipazioni da detenere in Bund tedeschi, pari al 33%, già a ottobre, dunque tra poco più di quattro mesi.

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Nel mondo intero, il settore finanziario è più resiliente. I due pesi massimi di Berlino, scrive il settimanale tedesco, hanno intenzione di impegnarsi a favore del presidente della Bundesbank come successore a Mario Draghi alla guida della Bce.

(Teleborsa) - Finalmente l'Europa è riuscita a "mettersi la crisi alle spalle". "L'outlook economico mondiale sta migliorando e i rischi di un peggioramento sono in calo". "E generalmente tutte quelle sfide che possono essere affrontate solo condividendo sovranità". "Bisogna fare nuovi passi in avanti" nella costruzione europea.

L'architettura istituzionale dell'Unione economica e monetaria resta incompleta sotto diversi aspetti, ma questo non può essere un problema a carico esclusivamente della Bce, è anche una questione di politica. Tempo di ottimismo per Mario Draghi che ricorda come la crisi abbia creato "condizioni fertili per dare voce alla retorica nazionalista e populista" ma ci ha anche portato "a migliorare la nostra conoscenza delle forze politiche ed economiche, e quindi a tradurre questa nuova conoscenza in azione. L'opera di manutenzione è cominciata con la creazione dell'Unione bancaria". "Ora questa maggioranza silenziosa ha riacquistato la sua voce, il suo orgoglio e la fiducia in se stessa", ha chiosato. "Soltanto lavorando assieme le nazioni dell'Europa riusciranno a superare queste sfide" e c'è "una vera opportunità per progredire".