Ballottaggi amministrative: affluenza alle urne alle 19 in Campania è del 44%

26 Giugno, 2017, 03:12 | Autore: Ubaldo Insinga
  • Le principali sfide dei ballottaggi del 25 giugno

CHI VOTA - Ha diritto di voto chi possedeva i requisiti per il primo turno, cioè la residenza nel Comune e i 18 anni compiuti all'11 giugno. Il Movimento 5 Stelle correrà solo nei capoluoghi di provincia di Asti e Carrara. A L'Aquila la sfida per il dopo-Cialente (in carica per due mandati consecutivi) è fra Americo Di Benedetto, del centrosinistra, e Pierluigi Biondi, del centrodestra. La coalizione di Berlusconi, Salvini e Meloni è invece avanti in 12 città. In mattinata, sulla città di Gorizia si è abbattuta una violenta tempesta di vento che per una ventina di minuti ha spazzato varie sone della città, compreso il centro cittadino, causando danni, allagamenti e cadute di rami e di un albero che, in via Dante, ha colpito un'automobile parcheggiata in strada.

Il ballottaggio a Padova è tra Massimo Bitonci e Sergio Giordani.

Di Silvio ha trattato a lungo con il civico Aldo Cerroni, terzo arrivato con più di 6.000 preferenze, ma alla fine non si è registrato nessun apparentamento ufficiale. Secondo i sondaggi di Demopolis il raggruppamento di Lega, Forza Italia e Fratelli d'Italia vedono il 54% di fiducia in aumento, mentre per il centrosinistra e il Pd è solo il 31% a ritenerli rafforzati dopo il primo turno. Su Crivello convergono anche i voti di Paolo Putti, sostenuto da Sinistra italiana e Possibile di Pippo Civati.

Se Rodolfo Ziberna ha mancato il successo in prima battuta per una manciata di voti, il gruppo di liste a suo sostegno ha superato senza difficoltà la soglia del 50%. Urne aperte dalle 7 alle 23, come durante il primo turno, con 111 Comuni coinvolti, per un totale di 4.304.739 cittadini chiamati al voto, come fa sapere il ministero dell'Interno. Da una parte c'è, dunque il centrodestra che punta ad almeno 10 ballottaggi su 22, anche se poi più della quantità conta la qualità e cioè la conquista di determinate piazze. Il centrodestra non riconfermerà il sindaco di Trapani. Se sul primo classificato, Maurizio Rasero (centrodestra), non ci sono dubbi, restano aperte le polemiche su chi debba essere lo sfidante.