E dopo l'afa arrivano i temporali

26 Giugno, 2017, 16:55 | Autore: Ubaldo Insinga
  • Meteo temporali e crollo termico. Addio al super-caldo

Nel bresciano a Monticelli Brusati una tromba d'aria ha scoperchiato il tetto di una palestra scaraventando i pannelli a decine di metri. La pioggia caduta ha reso impraticabili alcuni sottopassaggi nella città di Bolzano (64 millimetri in poche ore). Questi temporali si svilupperanno principalmente sul nord-est, tra trentino, Veneto e Friuli. Saranno dei giorni, quelli di inizio settimana, in cui si andranno a costituire quegli accumuli energetici che rappresenteranno poi il carburante per una forte fase instabile (al momento solo ipotizzabile), tra mercoledì e venerdì.

Sempre nello stesso paese sono caduti alcuni alberi, ma non si registrano feriti. Oltre che l'allerta lanciata dalla protezione civile per le possibili esondazioni dei fiumi che ora sono in secca ma con le prossime piogge potrebbero aumentare la propria portata fino a straripare, con pericolo alluvione. L'aria fresca in quota su una massa d'aria decisamente calda nei bassi strati determina l'attività temporalesca che nella giornata di domenica interesserà il Nord e in maniera isolata anche il Centro Italia. Sono probabili fenomeni localmente intensi (forti piogge, grandinate, raffiche di vento). Sulla base dei fenomeni previsti è stata valutata, per domani, allerta arancione per rischio idrogeologico localizzato sulla parte settentrionale del Veneto; allerta gialla, invece, su tutta la Valle d'Aosta, il Piemonte centro-settentrionale, la Lombardia centrale, le rimanenti parti del Veneto, tutto il Friuli Venezia Giulia, gran parte dell'Emilia Romagna, la Toscana settentrionale, tutta l'Umbria e le Marche. Con molta probabilità anche nel weekend un terzo impulso dovrebbe raggiungere il Nord portando un nuovo peggioramento.