Maturità 2017, la terza prova di Wired

26 Giugno, 2017, 10:39 | Autore: Ubaldo Insinga
  • Maturità 2017, la terza prova di Wired

Dopo la breve pausa per riprendersi dai primi due ostacoli della maturità 2017, vale a dire lo scritto di italiano e la seconda prova, gli studenti che quest'anno affrontano gli esami di stato tornano oggi sui banchi di scuola per raffrontare la terza prova scritta: il temuto quizzone. Può consistere anche nello sviluppo di un progetto che verta su più discipline. L'abolizione dell'esame di Stato?

Il "bonus" da 1 a 5 punti potrà essere dato a quei candidati in possesso di almeno 15 punti di credito scolastico e 70 tra prove scritte e colloquio, in base a criteri oggettivi prefissati in sede di riunione dalla commissione.

C'è anche la possibilità di integrare il punteggio: la commissione potrà anche utilizzare il cosiddetto "bonus" o assegnare la lode. Del resto il quizzone non va sottovalutato visto che mette in palio 15 punti al pari delle altre prove scritte per un totale massimo di 45 punti assegnati prima del fatidico esame orale.

Secondo un sondaggio di Skuola.net, però, la maggior parte dei docenti ha cercato di aiutare i propri studenti: il 21% dei maturandi già sa le materie su cui si dovranno cimentare e addirittura alcune domande tra quelle elaborate dalla commissione, il 17% invece è riuscito a sapere solo le materie, mentre un altro 20% ha avuto qualche indiscrezione - non così dettagliata - dai commissari interni durante l'anno. Questa prova non e' preparata dal ministero dell'Istruzione, Universita' e Ricerca, ma dalle singole commissioni che hanno potere decisionale sulle domande e sulla materie da inserire.

Le domande della terza prova dovrebbero essere state stabilite dalla commissione della maturità 2017 entro il 23 giugno e, fino al 26, non dovrebbero essere note agli studenti.