Roma come Pompei: eccezionale scoperta archeologica durante gli scavi della metro C

26 Giugno, 2017, 18:10 | Autore: Ubaldo Insinga
  • Roma come Pompei: eccezionale scoperta archeologica durante gli scavi della metro C

Linea C. Il ritrovamento è avvenuto grazie alla realizzazione del Pozzo Q15 a largo Amba Aradam, un'opera per mettere in sicurezza le vicine Mura Aureliane. Le paratie perimetrali in pali di cemento e l'ampiezza del pozzo - 8 metri di diametro e 14 metri in profondità, di cui 10 già scavati - hanno permesso un'indagine a quote altrimenti inaccessibili per un normale scavo archeologico.

Il rinvenimento in questa sede di parti lignee, benché carbonizzate, così leggibili e consistenti è un unicum per Roma e in generale di estrema rarità per epoche così antiche. Durante gli scavi sono stati scoperti anche i resti di un cagnolino accucciato davanti una porta e "verosimilmente rimasto intrappolato nell'edificio al momento dell'incendio". Ma quelle travi, annerite com'erano, si sono conservate fino a oggi con il solaio che sorreggevano, crollato in un unico blocco, che comprende l'intonaco del soffitto del piano inferiore e il mosaico del pavimento del piano superiore. "Quello che avvicina questo ritrovamento a Pompei è che abbiamo testimonianza di un momento della storia - ha spiegato il sovrintendente Francesco Prosperetti -".

"L'incendio che ha fermato la vita in questo ambiente ci permette di immaginarla in un momento preciso".