Crisi Golfo Persico, altre 48 ore per l'ultimatum al Qatar

03 Luglio, 2017, 22:25 | Autore: Menodora Allio
  • Il Qatar non accetterà le 13 richieste avanzate dall'Arabia Saudita e dagli altri Paesi interessati

Una visita segnata dal rifiuto di partecipare da parte dell'Ambasciatore dell'Egitto, uno dei Paesi dell'area del Golfo che, insieme a Arabia Saudita, Emirati Arabi e Bahrain, hanno interrotto i rapporti diplomatici con l'Emirato lo scorso 5 giugno accusandolo di foraggiare organizzazioni terroristiche dell'area.

Non poteva mancare l'Italia tra le tappe del tour internazionale che il Ministro degli Esteri del Qatar, Mohammed Bin Abdulrahman Bin Jassim Al Thani, sta compiendo in questi giorni per trovare una via di uscita alla crisi diplomatica attraversata da Doha. Non è ancora chiaro quali misure adotteranno i Paesi del Golfo. "Sono richieste contrarie alla sovranità del nostro Paese, che vanno contro la libertà di espressione e che impongono un sistema che va contro il Qatar". Lo ha detto il ministro degli Esteri di Doha, al Thani, in conferenza stampa a Roma. Il Qatar non ha problemi a discutere le richieste", ha poi sottolineato il ministro, "ma deve essere su basi chiare e a una condizione: "la nostra sovranità deve essere inattaccabile".

"Il Qatar respingerà la lista di richieste" inviata dalle monarchie del Golfo e dall'Egitto che lo ritengono un finanziatore del terrorismo. Per quanto riguarda le accuse di finanziamento al terrorismo internazionale, formulate da Riad, "dobbiamo averne le prove, poi sederci a un tavolo e valutare le richieste e comunque gli stessi Paesi che le hanno avanzate sono in cima alla lista dei finanziatori".