Casa » Sport

Wimbledon: la finale è Federer-Cilic

17 Luglio, 2017, 13:36 | Autore: Ave Pintor
  • La grande festa di Federer

"Ma trionfare otto volte non è una cosa che uno può preventivare". Dopo che Roger incamera il secondo set per 6-1, Cilic regge nel terzo e gioca alla pari per alcuni game. A dimostrazione di quanto Roger Federer abbia saputo mantenersi ad alto livello per un lungo periodo di carriera.

Roger Federer batte in una delle finali maschili più brevi della storia di Wimbledon, Marin Cilic. Volendo guardare la diretta streaming Federer-Cilic di quest'oggi 16 luglio da PC e smartphone, non vi resterà che, sempre se abbonati alla pay per view di Murdoch, avvalervi del servizio Sky Go, disponibile come piattaforma web per la fruizione del contenuto dal personal computer, o attraverso l'applicazione ufficiale, da poter scaricare su iTunes per iPhone e dal Play Store di Google per i dispositivi Android (il tutto gratuitamente).

Riguardo alla finale, la parità si spezza già sul tre pari del primo set, quando l'elvetico piazza il primo break decisivo. Tuttavia la cosa che sorprende di più non è tanto l'ennesima vittoria del torneo più blasonato del pianeta, all'alba dei 36 anni (età in cui molti altri altri tennisti si godono già da un pezzo la meritata pensione): ciò che lascia a bocca aperta è stata la forza con cui King Federer si è saputo rialzare quando tutti ormai lo davano per vinto. Ma anche ricostruzioni, reali e multimediali, della Wimbledon di una volta e quella di oggi. Federer chiude con il 76% di prime, l'81% dei punti fatti con la prima e il 71% con la seconda, ma anche 23 vincenti e appena 8 errori gratuiti. È difficile la condizione di Marin ma gli faccio i complimenti per questo meraviglioso torneo.

Vincendo una finale troppo sbilanciata, e scontata, per essere anche emozionante. Stare male in finale è crudele, devi essere orgoglioso di te stesso. Gli scricchiolii dell'età cominciavano a farsi sentire tutti i giorni (ginocchia e, di conseguenza, schiena), la sua immensa classe lo sorreggeva ma nei match decisivi dei grandi tornei - Wimbledon New York, Parigi, Melbourne - il gap con gli altri big sembrava incolmabile.

Cilic figurerà ancora una volta in finale dopo quella ottenuta lo scorso 25 giugno nel torneo del Queen's, dove la torre croata fu costretta a capitolare in tre set allo spagnolo Feliciano Lopez. Quasi non ci credo.

Questo è un campo speciale, tante leggende l'hanno calpestato. Ammirare oggi la bellezza di Federer cancella le fatiche è allieta di grazia ogni pensiero, però non c'è finale scontata prima di un ottavo titolo che, qui e adesso, è prova divina e materia dei sogni.

Ringrazia tutti, dai suoi cari al fondamentale team, consapevole che certi risultati non è possibile raggiungerli da soli.