Ferrari: gli utili volano (+43%) ma il titolo va ko

02 Agosto, 2017, 22:46 | Autore: Nazario Acquaviva
  • Scompare il brand Veneto Banca Intesa rimuove le insegne dalle filiali

La Ferrari non smette di crescere e di macinare record.

Ferrari ha chiuso il secondo trimestre del 2017 con un utile netto in aumento del 30% a 136 milioni di euro, a fronte dei 104 milioni del secondo quarto del 2016. L'Ebitda adjusted cresce del 24% a 270 milioni e l'Ebit adjusted del 29% a 202 milioni. Lo riferisce una nota del Cavallino, che commenta: "Verso un altro grande anno".

L'incremento dei numeri commerciali di Ferrari riguarda anche i ricavi e le consegne. In aumento anche le vetture consegnate: 2.332, ovvero 118 in più rispetto al 2016 (+5,3%). Nel secondo trimestre i ricavi netti sono cresciuti del 13,5% rispetto a un anno fa, raggiungendo quota 920 milioni di euro. Ferrari spiega che "questo risultato è stato trainato da un aumento del 36% delle vendite dei modelli a 12 cilindri (V12), mentre quelle dei modelli a 8 cilindri (V8) sono state sostanzialmente in linea con l'anno precedente". Notevoli le aspettative per la 812 Superfast, che deve ancora essere lanciata sul mercato ma ha già una lista d'attesa che va oltre il 2018. Un calo compensato in parte dalle vendite della famiglia 488 e della GTC4Lusso T (la versione della GTC4Lusso dotata del V8 turbo).

A fine giugno l'indebitamento netto industriale di Ferrari è calato a 627 milioni, da 653 milioni a fine dicembre, ma è salito dai 578 milioni di fine marzo.

Confermato l'outlook per il 2017: il Gruppo do Maranello stima consegne pari a circa 8.400 unità, incluse le supercar; ricavi netti superiori a 3,3 miliardi; un Adjusted Ebitda superiore a 950 milioni; un indebitamento industriale netto di circa 500 milioni, inclusa una distribuzione ai possessori di azioni ordinarie ed esclusi potenziali riacquisti di azioni.