Choc a Milano, modella 20enne rapita per asta sessuale online

05 Agosto, 2017, 13:55 | Autore: Menodora Allio
  • Modella rapita alla stazione di Milano e messa in vendita sul web

La squadra mobile di Milano ha fermato un cittadino polacco, accusato di sequestro di persona.

Il rapimento è durato dall'11 al 17 luglio. Con la 20enne sotto l'effetto del sonnifero, i malviventi hanno avuto tutto il tempo per fotografare la ragazza, infilarla in un sacco e riporla nel portabagagli, dando di fatto il via al sequestro di persona. La ragazza è stata poi stordita con della ketamina, tra gli stupefacenti più pesanti in circolazione, usato per esempio sui cavalli. Poi le foto per l'annuncio sul web. Attirata in un finto set fotografico vicino alla Stazione Centrale, qui sorpresa alle spalle e drogata con una siringa nel braccio, imprigionata nel bagagliaio di un'auto, risvegliatasi ammanettata ai mobili di una stanza, fotografata e offerta al web in una vendita che si sarebbe aperta la domenica successiva con base d'asta 300 mila euro in moneta elettronica bitcoin. Asta che non è stata mai avviata.

La ragazza ha vissuto giorni di terrore, perché è stata sequestrata, seviziata e poi drogata.

Sarebbe stato il carceriere a lasciarla andare, con la motivazione che la ragazza è madre e che le regole dell'organizzazione non prevedono donne con figli. Ora restano da individuare i complici del polacco, e da chiarire se abbia pensato di ammantare un rapimento-lampo del marchio online "Black Death" per rafforzarne il timore, oppure se davvero a Milano sia affiorata una propaggine di un fenomeno criminale "sommerso" nel web illegale. Le indagini sono state coordinate dalla Direzione Distrettuale Antimafia, dal procuratore aggiunto Ilda Boccassini e dal sostituto procuratore Paolo Storari.