Codigoro, la sindaca Pd: "Alzo le tasse ai cittadini che ospitano migranti"

05 Agosto, 2017, 15:21 | Autore: Menodora Allio
  • Immagine notizia

Tasse più alte a chi ospita i migranti.

Sta già sollevando polemiche la linea dura della sindaca Pd di Codigoro, Alice Zanardi, che due giorni fa ha diffuso una circolare in cui si annunciano controlli igienico sanitari e fiscali a partire da lunedì prossimo e l'ipotesi di una tassazione più alta per chi ospita profughi. Non è il piano 'anti-migranti' di Matteo Salvini, ma il contenuto dell'avviso pubblico emanato dal sindaco Pd di Codigoro, Sabina Alice Zanardi, eletta nel marzo scorso nell'assemblea nazionale del Partito Democratico.

"Qui non è un problema di accoglienza, ma di numeri", insiste.

Si comincerà, dice la nota, con l'invio, da lunedì 7 agosto, di personale comunale nelle abitazioni dei privati cittadini che offrono accoglienza ai migranti, per controllare che le case abbiano i requisiti di abitabilità e rispettino le normativie igenico-sanitarie. Codigoro ospitava 58 profughi, saliti a 75 a metà luglio. Ma i controlli di Ausl, polizia municipale e ufficio tecnico del Comune li mando, questo è sicuro E ancora: "Verrà allertata la guardia di finanza per i controlli fiscali relativi alla gestione degli immobili della parte ospitante". Accordi che non coinvolgono il Comune, ma che riguardano la prefettura e i singoli cittadini che mettono a disposizione abitazioni e strutture. Che vengano ospitate anche in altri comuni, non con amministrazioni che li accolgono, altre che si oppongono ed entrambe le posizioni che vanno bene. Il testo si conclude proprio indicando che in Comune "stiamo valutando anche la possibilità di diversificare le tassazioni per i soggetti ospitanti". "Non mi sono mai lamentata - spiega Zanardi - anche accogliendo 75 profughi abbiamo sforato la quota del 2,5 per mille abitanti prevista per legge. Se tutti i cittadini di Codigoro mettono a disposizione le loro seconde case dove andremo a finire?".