Venezuela,13 paesi America contro Maduro

09 Agosto, 2017, 14:21 | Autore: Menodora Allio
  • Credit Reuters

Più potente ma anche sempre più isolata.

I delegati della controversa Costituente - insediata, per prima volta, nell'emiciclo dove si svolgono le sedute del Parlamento - hanno varato un decreto nel quale si dispone la subordinazione di tutti i poteri pubblici alla Costituente stessa.

La situazione, dunque, resta quella di un sostanziale stallo internazionale, con le stesse prese di posizione che hanno bloccato finora ogni possibile risoluzione sulla crisi venezuelana all'interno dell'Organizzazione degli stati americani (Osa), che riunisce tutti i paesi del continente tranne Cuba.

La presidente dell'organismo, Delcy Rodriguez, ha detto che il decreto rappresenta "un messaggio molto chiaro di convivenza fra i venezuelani", ma ha subito chiarito che ha parlato con Julio Borges, il presidente del Parlamento controllato dall'opposizione, "per spiegargli la necessità di convivere con questo potere costituito, ma la sua risposta è che loro non intendono accettarla".

I rappresentanti di 13 paesi del continente americano, riunitisi ieri a Lima, hanno approvato una dichiarazione comune in cui si denuncia "l'interruzione dell'ordine democratico" in Venezuela e si dichiara "illegittima" l'Assemblea costituente promossa da Maduro.

Da parte sua, il ministro degli Esteri venezuelano Jorge Arreaza ha denunciato "una congiura contro il Paese, ispirata dall'imperialismo americano".

Tajani, sanzioni contro beni Maduro in Europa - "Ho scritto una lettera al presidente della Commissione europea Juncker e al presidente del Consiglio Tusk perche' l'Europa adotti delle sanzioni che colpiscano i beni di Maduro e dei suoi in Europa": lo ha detto oggi a a RaiNews24 il presidente dell'europarlamento Antonio Tajani riferendosi al presidente venezuelano Nicolas Maduro. L'ex calciatore argentino si è definito "chavista fino alla morte" e pronto a prendere le armi per combattere "coloro che vogliono impossessarsi delle nostre bandiere, che sono la cosa più sacra che abbiamo".