Casa » Sport

Vecino: "Sarri l'uomo della svolta. Qui per fare bene, magari come Cambiasso…"

11 Agosto, 2017, 08:37 | Autore: Ave Pintor
  • Vecino: “Non vedevo l'ora di venire all'Inter. Borja mi ha insegnato tanto, Firenze importante per me”

Mi sto piano piano adattando al nuovo modo di lavorare.Responsabilità o orgoglio per la richiesta di Luciano Spalletti? L'Inter è una squadra fortissima, per i giocatori che aveva e per i risultati.

Prime sensazioni con Spalletti?

CHI MI HA IMPRESSIONATO ALL'INTER - "Joao Mario, giocatore forte che sa fare tutto". "Qui la squadra è grande ma mi responsabilizza". Sarebbe bello esordire all'Inter con una doppietta come fece lui, ma io gioco in un altro ruolo.

24 milioni di clausola, senti la fiducia della società? "Vuol dire tanto, è una grande responsabilità. Non siamo soli, ci sono tanti tifosi dietro e spero di essere all'altezza".

Ci sono stati altri club?

SPALLETTI - "Mi ha colpito come insegna il calcio, poi la sua tranquillità, ti fa capire subito cosa fare in campo, se saremo bravi a seguirlo potremo fare grandi cose perché siamo una buona squadra". Mi piace arrivare in area quando c'è l'opportunità e quando ci sono gli spazi, ma deciderà il mister dove devo giocare.

Prima di Campionato contro la Fiorentina?

Quanto è stato importante a Firenze avere come compagno Borja? "È intelligente e mi ha aiutato molto".

Qual è il momento che ha cambiato la tua carriera? "Siamo sulla strada giusta, ci stiamo allenando bene e concentrati". Voglio dare il massimo e migliorarmi, la pressione c'è sempre, ovunque vai.

Cosa ti ha spinto a venire all'Inter? "Ho giocato anche mezz'ora con i sardi e abbiamo vinto".

Prima giornata Inter-Fiorentina, che effetto ti farà? Uno dei miei riferimenti come giocatore è senza dubbio Juan Sebastian Veron: ho sempre cercato di imparare qualcosa da tutti i grandi calciatori, ma lui e' sicuramente quello che ho seguito di piu.

Montella da avversario ad ottobre.

"L'arrivo in Italia. Quando ho giocato a Empoli non avevo ancora trovato il mio posto". Io cerco di adattarmi ad ogni situazione, faccio quello che richiede la giocata e quello di cui ha bisogno la squadra.