Casa » Sport

Fiorentina, ecco il nuovo numero 10. Eysseric: "Obiettivo? Entrare nella Top-5"

18 Agosto, 2017, 03:12 | Autore: Ave Pintor
  • Eysseric “Sarà dura per il Nizza ribaltare il risultato”

Classe '92, francese (provenienza Nizza), Valentin Eysseric è pronto a raccogliere l'eredità di Federico Bernardeschi passato quest'estate alla Juventus. Ci sono tanti nuovi giocatori, come diciamo in Francia bisogna aspettare che 'si faccia la maionese'. Tantissimo. E accanto a lui, non è un caso, c'è un certo Giancarlo Antognoni.

"E' un giocatore fantasioso, che farà divertire i tifosi". Non voglio versare responsabilità su di lui: gli faccio i complimenti per la scelta e credo che la onorerà. C'erano, ma io volevo solo la Fiorentina. "Mi sarebbe piaciuto giocare il preliminare di Champions ieri al San Paolo, ma avevo voglia di cambiare aria e per questo ho detto sì alla Fiorentina". Per me siamo da top 5, ma dipende soltanto da noi. "Devo pensare a fare bene".

"Tutti sognano di giocare la Champions". Con Favre abbiamo lavorato tanto: siamo arrivati terzi dopo essere stati tanto in testa. Il mio idolo è Zidane, anche quando giocava nella Juve ed ero piccolo. Così come Del Piero e Totti.

Cosa cambia nei metodi di allenamento dalla Francia all'Italia? Il tecnico ci chiede molto lavoro sulla profondità. Se oggi ci sono molti francesi che arrivano in Italia è perché se lo meritano. Club che mi hanno cercato? Qualcuno gli ha detto il valore, ma non dobbiamo fargli pressioni. Più che consigli, ha scherzato con me e mi cantava 'Fiorentina, Fiorentina, Fiorentina'. "Ora conto che sono alla Fiorentina".

Eysseric gioca come ala offensiva su entrambe le fasce, ma può agire anche come trequartista: il piede destro è davvero notevole e a Nizza ricordano ancora i suoi calci piazzati.

"Mi devo adattare, ho bisogno di un po' di tempo anche per abbattere la barriera della lingua. L'allenatore ci lascia liberi di muoverci dietro la punta, posso giocare sia centrale che esterno a sinistra o destra". Se sono venuto in viola è perché pensavo di poter fare una buona stagione.