Vaccini obbligatori: guida per le mamme alle prese con la dichiarazione sostitutiva

05 Settembre, 2017, 19:07 | Autore: Rufina Vignone
  • Vaccinazioni, le Asl si occuperanno del controllo dei vaccini

Vaccinazioni al via al Dipartimento di Prevenzione dell'Asp di Ragusa. Stabilito, tra le altre cose, che le Asl faranno le verifiche sugli elenchi trasmessi dalle scuole, rinviando la comunicazione relativa solo ai soggetti che risulterebbero non in regola in prima istanza dai controlli all'anagrafe vaccinale. "Esprimo vicinanza anche nei riguardi della direzione generale dell'azienda sanitaria di Palermo".

Nel condannare con forza l'episodio, l'assessore Gucciardi invita le famiglie a "non recarsi in massa nei centri di vaccinazione e a non creare allarmismi, soprattutto dopo l'ultima circolare congiunta dei ministeri di Salute e Istruzione".

Coloro che inviano la dichiarazione sostitutiva di certificazione compilando il modulo online, entro il 10 marzo 2018 dovranno consegnare al Quartiere di residenza la documentazione attestante l'avvenuta vaccinazione, salvo che non intervengano sviluppi sul trattamento dei dati tali da consentire l'acquisizione dall'Ausl del riscontro sulle autocertificazioni prodotte. Per le scuole invece ci sono due appositi indirizzi mail infovaccini@sanita.it e infovaccini@istruzione.it.

"Vaccinare i bambini che frequentano nidi e asili è una misura di salute pubblica utile e necessaria in primo luogo a loro, ai più piccoli, e in particolare ai più deboli dal punto di vista immunitario". Nelle liste saranno presenti nomi e cognomi, codice fiscale, data di nascita, residenza, indirizzo degli studenti e recapiti telefonici delle famiglie.

L'Asl territoriale procede alla verifica della situazione vaccinale di ogni iscritto e contatta direttamente le famiglie degli iscritti che non risultano in regola, per consentirne la regolarizzazione. Il rischio di sbagliare c'è, e a pagare non sono potenzialmente solo le famiglie, con multe e sanzioni, ma gli stessi minori che rischiano, da zero a sei anni, di vedersi rifiutare l'iscrizione a scuola.

Le informazioni sono pubblicate anche sul sito del Comune di Rosignano Marittimo www.comune.rosignano.livorno.it, canali tematici, scuola ed educazione, obblighi vaccinali per l'anno scolastico 2017/18.

Una scelta che il ministro della Salute Beatrice Lorenzin ha definito fuori legge e che proroga il termine per la presentazione dei documenti richiesti, ovvero il libretto vaccinale o un'autocertificazione che dichiari quali sono le vaccinazioni effettuate e quelle in procinto di essere somministrate al bambino. E Decaro aggiunge: "Il quadro è abbastanza rassicurante anche per quanti hanno prenotato la vaccinazione e sono in attesa di ricevere la prestazione". Che non perderanno la patria potestà, inizialmente temuto in seguito alla presentazione di una proposta al decreto, ma saranno convocati presso le ASL di competenza per sollecitarne l'esecuzione.

Per potersi iscrivere al nido o a scuola, gli esonerati e i 'posticipati' dalle vaccinazioni dovranno presentare l'idonea documentazione comprovante l'esonero per intervenuta immunizzazione per malattia naturale o quella comprovante l'omissione o il differimento della somministrazione del vaccino con copia della prenotazione dell'appuntamento presso l'Asl.