Lega Nord e Forza Italia: "La malaria la portano gli immigrati"

06 Settembre, 2017, 13:58 | Autore: Rufina Vignone
  • Malaria in Italia: «Ma è un caso eccezionale»

La malaria è diventata la malattia tropicale più frequentemente importata in Italia e in Europa: nell'aprile del 2016 l'Ufficio regionale europeo dell'Oms ha sentenziato che la malaria autoctona è stata eradicata. È deceduta tra domenica e lunedì. Quando è entrata in ospedale a Trento Sofia era cosciente ma, poco dopo, era entrata in coma. Soprattutto perchè la bambina nei giorni intorno a Ferragosto era stata ricoverata sempre nello stesso Ospedale di Trento, proprio nei giorni in cui contemporaneamente erano stati ricoverati anche due bambini africani che avevano contratto la malaria. Diagnosticata la malaria, la bimba è stata trasferita in elicottero a Brescia presso il reparto malattie tropicali. Nel frattempo, i carabinieri del Nas stanno raccogliendo tutti gli elementi possibili, mentre le procure di Brescia e Trento hanno aperto un'inchiesta per omicidio colposo contro ignoti.

Sofia muore a 4 anni per malaria autoctona. Nell'ultimo rapporto Oms del dicembre 2015 - World Malaria Report - sono 95 i Paesi con endemia malarica: 214 milioni i casi e 438 mila i decessi. Questo il commento dell'Azienda provinciale per i servizi sanitari del Trentino.

"È un caso criptico, rarissimo", ha detto Giovanni Rezza, medico epidemiologo e responsabile del Dipartimento di malattie infettive dell'Istituto superiore di sanità. "Con i servizi di veterinaria e igiene pubblica faremo un'indagine", ha dichiarato lo specialista. "Si tratta di casi di malaria aeroportuale" e "se il clima diventa equatoriale ci sono le condizioni per lo sviluppo di colonie di zanzare che trovano condizioni favorevoli". Lo conferma Giampiero Carosi, infettivologo dell'universita' di Brescia, secondo cui l'ipotesi piu' probabile e' che una zanzara abbia punto qualcuno infetto, magari dopo un viaggio, e poi abbia trasmesso il plasmodio alla bimba. Quello che potrebbe essere successo è che qualcuno, di ritorno da un viaggio nelle zone colpite, abbia 'portato' il plasmodio e sia stato punto da una anofele 'nostrana' che a sua volta ha punto la bambina.

"Non mi sono occupato del caso e non sono un entomologo, ma ci sono numerosi studi che attestano la presenza della zanzara Anopheles in Italia, pur se si tratta di esemplari poco adatti alla trasmissione del Falciparum".