Vaccini, professor Burioni: le bufale più diffuse

11 Settembre, 2017, 20:07 | Autore: Rufina Vignone
  • Vaccini calendario vaccinale 2017-2019 per bambini adolescenti e adulti

"Occorre continuare ad informare i genitori e dialogare con chi ancora non crede in questo fondamentale strumento per la salute della collettività, ma dobbiamo essere coscienti che il solo dialogo non è sufficiente a garantire la copertura necessaria, ed alcune esperienze regionali ne testimoniano il fallimento".

Affollamento. Non si allenta la presa dei genitori che vogliono far vaccinare i figli in vista delle scadenze fissate dalla legge sull'obbligo di vaccinazione.

È acceso il dibattito sul vaccinare o meno i bambini: gli studi clinici mostrano che i vantaggi della immunizzazione dalle malattie superano il rischio di effetti collaterali. Anche nelle realtà 'peggiori' della nostra penisola non si va al di sotto del 90% (come accade purtroppo a Ladispoli, dove i valori in 4 anni si sono abbassati di 5-6 punti percentuali), si tratta solo di una minoranza rumorosa. "Rimangono tuttavia alcuni aspetti critici nella gestione dei dati tra scuole e Asl, perché consentire alle istituzioni scolastiche di dar vita a questo incredibile flusso di dati personali senza aver adeguatamente valutato e messo in condizione le scuole di dotarsi di idonee misure tecnico-operative, equivale ad innescare una miccia, che potrebbe portare alla violazione della normativa posta a tutela dei dati personali con ogni evidente conseguenza sul piano civile, penale, amministrativo ed erariale", conclude Carlo Rienzi. Questa osservazione è confermata dal dato indicante che le lesioni cerebrali alla base della malattia sono presenti prima della nascita; infine, recenti ricerche hanno dimostrato che l'autismo è diagnosticabile ben prima delle vaccinazioni.

Oltre a penne, quaderni e zaini sempre più grandi che nemmeno ad Harvard si vedono, il nuovo anno scolastico porta l'obbligo dei vaccini.

I genitori, tutori, affidatari di alunni che non risultano vaccinati e che non hanno presentato i documenti che dimostrano di essere in regola, vengono convocati dalla Asl per un colloquio informativo. I farmaci venduti per curare malattie per cui non siete il vaccino hanno fatturato anche sei volte tanto.

I vaccini sono inutili perché le malattie sono scomparse - Chi lo pensa non sa che l'unica malattia scomparsa (grazie al vaccino) è il vaiolo: "E infatti contro questa infezione non ci vacciniamo più - rimarca Burioni -". Gli attuali vaccini ne contengono circa 200.

Chi è vaccinato diventa infettivo: non è vero - La maggior parte dei vaccini è costituita da singoli componenti virali e batterici e pensare che da una miscela di sostanze possa nascere qualcosa in grado di replicarsi e infettare è come temere che nel nostro frigorifero da un dado da cucina possa generarsi un vitello.

Vaccini sì, vaccini no.

È questa la richiesta di Raffaella Sensoli, capogruppo regionale del MoVimento 5 Stelle, contenuta in una interrogazione indirizzata alla Giunta e che cerca di riportare un po' di ordine nel caos in cui sono piombate migliaia di famiglie emiliano-romagnole alle prese in questi giorni con la comunicazione delle certificazioni dell'obbligo vaccinale per poter iscrivere i loro figli ai nidi, materne e scuole dell'infanzia. I vaccinati contro la varicella possono invece trasmettere il virus del vaccino, ma molto raramente.