Casa » Sport

Milan, confronto tra Montella e la squadra: si passa al 3-5-2

12 Settembre, 2017, 14:08 | Autore: Ave Pintor
  • Calabria

Proprio Bonucci, il leader di questa squadra, è stato additato dai più, ma è anche da lui che Montella deve ripartire.

I fatti sono noti: ieri, nel grigiume dell'Olimpico la Lazio di Simone Inzaghi ha dato una sonora strigliata al Milan di Montella, evidenziandone più di una debolezza ma, soprattutto, sfruttandole tutte al massimo.

Operazioni riprese al Centro Sportivo di Milanello per il Milan di Vincenzo Montella. In vista di giovedì, quando il Milan farà il suo esordio in Europa League contro l'Austria Vienna, il tecnico chiede una reazione: "Lo dobbiamo a noi, alla società, ai tifosi. Abbiamo analizzato la gara, abbiamo perso meritatamente e il problema più grande è che per quindici minuti abbiamo staccato completamente la spina". "Veniamo da una pessima figura, voglio vedere un atteggiamento di fiducia e la fame necessaria per giocare a certi livelli". Questa è stata la più grossa lacuna. Certo, è a dir poco ingeneroso prendersela con il solo Montolivo, il cui rapporto con la tifoseria resta sempre caratterizzato da (pochi) alti e (numerosi) bassi. "Dobbiamo imparare a soffrire". "Ci sono stati tanti giocatori impegnati con le Nazionali". Pesano, e non poco, le quattro reti subite e le troppe amnesie difensive che hanno smascherato i meccanismo ancora poco oliati della retroguardia rossonera. Sicuramente l'ultimo segmento è quello tattico, perchè non credo molto nel modulo.

Sui possibili cambi di modulo il tecnico campano s'è dimostrato fatalista: "Dovremmo imparare ad essere polivalenti e a cambiare anche in corsa". Era già programmata la possibilità di riproporre la difesa a tre quando avremmo avuto più allenamenti.