"Corona resta in carcere": l'ex paparazzo inizia lo sciopero della fame

13 Settembre, 2017, 12:54 | Autore: Menodora Allio

Ieri, il magistrato di sorveglianza di Milano dottoressa Beatrice Crosti ha detto no. Corona resta in carcere.

L'avvocato di Corona ha inoltre annunciato l'intezione del suo assistito di iniziare lo sciopero della fame "perché questo non se l'aspettava proprio". I suoi legali, però, hanno già presentato una nuova istanza e, dunque, l'ex re dei paparazzi presto potrebbe uscire dal carcere.

A metterlo nero su bianco sono i giudici che hanno depositato le pubblicazioni della sentenza che, lo scorso 12 giugno, ha condannato Fabrizio Corona a un anno per illecito tributario, nonostante ci fosse una richiesta di 5 anni di reclusione da parte della Dda.

"Come sta Corona? Malissimo", ha aggiunto Chiesa.

Per i giudici Fabrizio Corona, l'ex fotografo dei Vip, non è un delinquente professionale e quindi non vive di reati.

"La natura prettamente fiscale e le concrete modalità del reato per il quale l'imputato è stato giudicato colpevole non consentono infatti di ritenere, alla luce della ricostruzione complessiva dei fatti e della lontananza nel tempo delle condotte che hanno dato origine alle precedenti condanne, che egli viva abitualmente del provento dei reati", si legge nel dispositivo che ha fatto esaltare il protagonista di tabloid e scandali (giudiziari e non), all'interno dell'aula di tribunale". "Non emergono da alcun atto dell'istruttoria dibattimentale, un'istruttoria che è stata molto ampia - hanno scritto i giudici - segnali di contatto tra Fabrizio Corona e ambienti della criminalità organizzata". "Fabrizio è abbattuto e arrabbiato perché questo non se l'aspettava. Secondo me lo farà e, quando lo farà, lo farà fino alla fine perché lui dice che ora si sente un sequestrato".