Casa » Sport

Di Francesco: "Alisson determinante, ma per un'ora è stata una buona Roma"

14 Settembre, 2017, 01:20 | Autore: Ave Pintor
  • L'Atletico Madrid sbatte su Allison: a Roma finisce 0-0

Corriere della Sera (G.Piacentini) - È finita con la curva Sud a cantare cori in favore di Alisson. Da vice di Szczesny a titolarissimo. Forse è il caso di chiedersi come mai gli altri corrano da agosto a maggio - impressionante l'Atletico, organizzatissimo e racchiuso in 40 metri - e noi, pur conoscendo il calendario di campionato e coppe, denunciamo regolarmente gli stessi scompensi. No no, lui voleva bene a me e io a lui. Nel finale (minuto 91′) è ancora Saul Niguéz a far tremare i tifosi giallorossi: sugli sviluppi di un calcio d'angolo colpo di testa a botta sicura dello spagnolo e miracolo di Alisson, poi sulla respinta Saul manda clamorosamente fuori a porta libera scheggiando di nuovo il palo. "Abbiamo fatto un ottimo primo tempo, nella ripresa siamo calati e sono stato costretto a cambiare sistema, per trovare un po' di equilibrio e riuscire a contenere le loro iniziative".

La partita ora è vivace con la Roma che, ritrovata la fiducia, offende senza scoprirsi troppo. Entro in campo per non prendere gol, ringrazio i miei compagni che mi hanno aiutato difendendo in modo cattivo.

Anche se i complimenti si sono sprecati a fine gara. Per una volta la fortuna assiste la squadra di Di Francesco che fa bella mostra della sua intelligenza tattica sul palcoscenico delle grandi. "Pavan ha modificato l'approccio all'Internacional, curando la formazione del portiere, ha fatto diventare loro capaci e efficaci". Ma soprattutto di perdere (nella ripresa) quando Alisson ha salvato di tutto e di più e quando le forze sono venute meno.

Più passa il tempo, più l'Atletico si fa pericoloso e più Alisson sembra esaltarsi per questo suo debutto in Champions. Alisson sarà il portiere titolare della Roma e del Brasile ai prossimi mondiali. Poco spazio con Spalletti, Di Francesco invece gli ha consegnato le chiavi della porta giallorossa.

Roma - Atletico Madrid, ennesimo flop europeo? Infatti il pensiero di lasciare Roma l'ha sfiorato eccome: "Se non avessi avuto la certezza di giocare avrei chiesto di partire". "Quel che può succedere in futuro non lo, ma sono felice alla Juve, mi trovo a mio agio e la società vuole che faccia parte del suo progetto a lungo". Ma Alisson ne era sicuro: "Le persone impareranno a conoscere il mio lavoro". Tuttavia la Roma lo seguiva già dai tempi dell'under 21 brasiliana e superando la concorrenza di alcuni club lo ha portato a Trigoria pagandolo 8 milioni. Per lui invece, resterà sempre normale amministrazione. Dall'altro lato del campo, Messi ha l'argento vivo addosso, e lo dimostra: prima colpisce un palo, poi costringe Sturaro a salvare sulla linea, propiziando il 2-0 di Rakitic che è lesto ad avventarsi sulla ribattuta corta del centrocampista bianconero.