Speciale infrastrutture: "Libération", su vicenda Stx-Fincantieri operazione disgelo tra Francia ed Italia

14 Settembre, 2017, 00:59 | Autore: Nazario Acquaviva
  • In attesa del meeting tra Paolo Gentiloni e Emmanuel Macron oggi si svolge a Roma l'incontro tra i ministri dell'Economia dei due paesi

Un intento che, durante l'estate, era stato messo a dura prova dopo che - come ha riportato oggi il quotidiano Le Monde "le iniziative diplomatiche di Emmanuel Macron sulla Libia e il rifiuto di aprire i porti francesi alle navi che salvarono i migranti dalla costa dell'Africa avevano gia' causato l'irritazione del governo italiano" e "la nazionalizzazione temporanea dei cantieri navali di Saint-Nazaire" aveva provocato "una vera tempesta in Italia".

Un "incontro costruttivo" quello avvenuto ieri a Roma in merito al dossier Fincantieri-Stx, tra il ministro dello Sviluppo Economico Piercarlo Padoan e il titolare del dicastero dell'economia francese Bruno Le Maire. Il braccio di ferro tra Italia e Francia sul controllo di Stx comincia a inizio anno con una pronuncia del Tribunale di Seul a favore di Fincantieri, che presenta la migliore offerta per l'acquisizione del 66,66% del capitale di Stx France detenuto dalla societa' sudcoreana Stx Offshore & Shipbuilding. Distesi e ottimisti i due ministri i quali twittano la stessa foto, mostrante una "riunione costruttiva" (Le Maire) per "un'intesa italo-francese in vista del vertice del 27/9" (Padoan). Insomma, tutti concordi e tutti al lavoro per far sì che a novembre, Macron e Gentiloni si trovino sul tavolo una soluzione concordata e positiva che permetta loro una bella figura e, soprattutto, apria davvero una collaborazione positiva tra Italia e Francia su un terreno difficile (sul quale le competenze nei due paesi non macano), ricco di opportunità ma anche di durissimi concorrenti.

Secondo le indiscrezioni, il pacchetto di maggioranza di Stx verrebbe acquisito da una società formata da Fincantieri e Naval Group. Non si esclude che se Fincantieri alla fine avesse il controllo delle attività nel settore civile, le attività nel comparto militare, che coinvolgerebbero Thales e Leonardo, potrebbero finire per essere coordinate dai francesi.