Casa » Sport

F1, il GP di Singapore sarà in calendario fino al 2021

16 Settembre, 2017, 13:11 | Autore: Ave Pintor
  • Singapore: Q2, Raikkonen-Vettel 3/o-4/o

Ma la speranza era che Vettel potesse contare sul supporto di Raikkonen e allo stesso tempo potesse avvantaggiarsi ulteriormente se le monoposto austriache si fossero messe tra Ferrari e Mercedes.

La Mercedes stavolta è costretta a inseguire: Lewis Hamilton è staccato di 4 decimi da Ricciardo, mentre Valtteri Bottas (6° alle spalle di Sergio Perez) è a un secondo.

A prove del venerdì concluse, affrontiamo subito il "dramma" Ferrari per rassicurare i tifosi - quelli che si stanno già stracciando le vesti avendo guardato la lista dei tempi ma senza aver visto com'è realmente andata la sessione di prove notturna a Marina Bay - che non è il caso di abbattersi.

Se fossimo su un'altra pista potremmo tranquillamente dire che Red Bull si ritroverà a partire in terza fila, ma a Singapore i cavalli contano un po' meno e quindi attenzione alle sorprese e magari a una prima fila inedita per questa stagione.

L'australiano le ha dominate entrambe, abbassando più volte il record della pista.

Che la Red Bull avrebbe trovato terreno favorevole a Singapore non è una notizia a sorpresa, ma la superiorità mostrata oggi in pista ha comunque stupito: il tandem Ricciardo-Verstappen si è confermato il migliore nelle simulazioni di qualifica così come nei long-run, e con ampio margine.

Belle sorprese e da segnarsi per Generalifantagp.sky.it sono rappresentate da Hulkenberg, quinto e da Vandoorne e Alonso, sesto e settimo. "E' stata una giornata un po' altalenante". Ho perso il posteriore nel mio secondo tentativo nel settore centrale, ma nel complesso non posso essere molto contento, perché ci manca qualcosa a livello di bilanciamento e di conseguenza anche di fiducia. "Abbiamo provato alcune cose e non sono sicuro sia la strada giusta da seguire, vediamo cosa fare in gara - ha commentato Vettel - Ora c'e' bisogno di un po' di tempo per capire bene su che aree intervenire". Terzo tempo per un Lewis Hamilton che a dire il vero sembra trovarsi molto più a suo agio con la gomma soft gialla, come ha dimostrato anche in una simulazione di passo gara in cui si è giocato il passo migliore in assoluto con Sebastian Vettel. Sia con le ultrasoft che con le supersoft, Ricciardo e Verstappen sono stati più veloci di Hamilton.