Giovani 'Neet', non studiano e non cercano lavoro. Puglia maglia nera

16 Settembre, 2017, 05:58 | Autore: Menodora Allio
  • Giovani che non studiano nè lavorano La Sicilia «maglia nera» in Europa

La Sicilia è al vertice per quanto riguarda i neet, i giovani che non studiano e non cercano lavoro: sull'isola nel 2016 erano il 41,4% dei giovani fra i 18 e i 24 anni. Un dato più alto ce l'hanno solo la Guayana francese (44.7%) e la regione bulgara di Severozapaden (46.5%). "Anche i dati del comparto agricolo destano preoccupazione, in quanto dalla documentazione si evince che il valore delle produzioni delle aziende agricole nella nostra regione è pari a quello delle regioni europee più svantaggiate e periferiche".

E ancora, il dato abbassa la media italiana: secondo la classifica di Eurostat l'Italia contina a essere il Paese Ue con il maggior numero di giovani completamente inattivi "conquistando" un 26%, contro le medie delle altre nazioni che si fermano intorno al 15,2%. "Per tutti ma non per il presidente De Luca che, forte del suo slogan "Mai più ultimi", sta riuscendo nella poco invidiabile impresa di trascinare la Campania agli ultimi posti in Europa", conclude il Capogruppo regionale campano di Forza Italia. I dati Eurostat inoltre confermano inoltre per il Sud Italia l'alto tasso di disoccupazione: Calabria, Sicilia, Campania e Puglia sono fra le realtà territoriali in Europa in cui lavora meno di una persona su due fra i 20 e i 64 anni. La situazione precipita se prendiamo in considerazione le capacità digitali, indispensabili ormai nella stragrande maggioranza delle professioni.

Per Giancarlo Cancellieri, candidato governatore del Movimento 5 Stelle, "questo è il risultato prodotto da gente come Fabrizio Micari, che guida l'università di Palermo, e Rosario Crocetta, che guida da cinque anni la Regione siciliana: hanno letteralmente demolito i giovani in Sicilia, gli hanno tolto tutta la voglia di lavorare e darsi da fare". "E' un dato preoccupante che dimostra la bontà delle cose che diciamo e cioè puntare sul diritto allo studio, sul lavoro e sullo sviluppo", ha affermato il rettore di Palermo Fabrizio Micari, candidato alle prossime elezioni regionali con il centrosinistra.