Casa » Sport

Mertens: "Rigori? Non potevo lasciarli a Jorginho. Su Hamsik..."

17 Settembre, 2017, 19:34 | Autore: Ave Pintor
  • Napoli-Benevento, nessun caso Hamsik: sarà titolare

Sulle contromosse degli avversari: "La storia delle squadre che ormai si conoscono è uno dei falsi miti del calcio, lo ha dimostrato il Barcellona che ha dominato il mondo per anni, eppure tutti sapevano come giocava". Io comunque sono sicuro che il girone di Champions il Napoli lo passerà ugualmente, in campionato invece deve stare sempre tremendamente sul pezzo e deve essere bravo a cancellare subito alcuni punti interrogativi e penso che ce la farà tranquillamente. Miglior attacco (15 reti, tre in più della scorsa stagione), seconda difesa dopo l'Inter (2 gol subiti), gioco corto e a memoria, le perle di Insigne e le fiammate di Callejon e Mertens.

Su Mertens e Milik: "Se la partita contro lo Shakhtar fosse rimasta in equilibrio come si sperava l'ingresso di Mertens avrebbe spaccato il match, un po' come l'anno scorso contro il Lisbona".

"Scudetto? L'obiettivo è quello di giocare come abbiamo fatto nel primo tempo anche contro la Lazio, non è che possiamo guardare troppo avanti". Stavolta la scelta è stata sbagliata perchè il risultato è stato negativo. Poi il ragazzo mi ha detto che non è ancora a un gol da Maradona, quindi è giusto sfamare il nostro attaccante. Il secondo rigore abbiam pensato di farlo tirare a lui, per il suo record personale. In campionato negli ultimi 5/6 mesi anche a me ha dato questa sensazione sul rendimento e consapevolezza, la coppa mi ha lasciato perplesso. Anche quando entrava dalla panchina e spaccava le partite. "La squadra ci ha abituato molto di più a questo rispetto a quanto visto mercoledì". "In Champions, quasi sempre, abbiamo affrontato squadre che avevano qualche giorno in più di riposo".