Casa » Sport

Roma-Verona 3-0 pagelle, voti e highlights 4^ giornata: Dzeko trascinatore

17 Settembre, 2017, 00:23 | Autore: Ave Pintor
  • Kean “Raiola mi ha detto va a Verona e spacca tutto”

Da segnalare anche il ritorno in campo di Florenzi che si è reso autore di un ottima prestazione condita da un fantastico assist per la rete del raddoppio di Dzeko.

Roma: (4-3-3): Alisson; Florenzi, Manolas (dall'80' Hector Moreno), Fazio, Kolarov; De Rossi, Pellegrini, Nainggolan (dal 75' Schick); Cengiz Ünder (dal 75' Gerson), Džeko, El Shaarawy.

Verona (4-3-3): Nicolas 5.5; Ferrari 5, Caceres 5.5, Heurtaux 4.5, Souprayen 4.5; Bessa 5.5, Buchel 5 (58′ Verde 5.5), Zuculini 5 (75′ Fossati 5.5); Romulo 5.5, Kean 5 (64′ Pazzini 6), Valoti 5.5. Per Pecchia è notte fonda. I giallorossi fanno girare bene il pallone e colpiscono il Verona al momento opportuno. Sul 3-0 la Roma non si ferma e continua ad attaccare: occasioni per El Shaarawy e Under. Dzeko dopo essersi accentrato dalla fascia destra all'altezza della trequarti avversaria, serve un preciso sinistro rasoterra per El Shaarawy che, nei pressi dell'intersezione sinistra della lunetta con il limite dell'area di rigore avversaria, innesca, con piatto destro filtrante di prima intenzione Nainggolan. Il più voglioso di tutti però è El Shaarawy, che cerca il suo primo goal con un tiro violento e ravvicinato all'86', ma Nicolas gli dice di no. Finisce 3-0 per la Roma, un esito mai in discussione tale e tanta è stata la differenza in campo tra le due squadre. Kolarov scalda il mancino in un paio di occasioni ma senza particolare fortuna, El Shaarawy approfitta della sponda di Nainggolan per aprire il destro, ma trova soltanto un calcio d'angolo. Under ha colpito un palo sullo zero a zero. Una volta in vantaggio, è tutto più semplice, compreso il 2-0, merito di un gioiello di Florenzi che salta di netto Valoti (in disperato ripiegamento difensivo) e regala a Dzeko un cioccolatino da scartare e insaccare di testa.

Edin Dzeko ha ricominciato questa stagione come quella passata: nella scorsa Serie A, infatti, il bosniaco aveva segnato 18 gol in 18 match giocati in casa, mentre quest'anno alle prime due uscite all'Olimpico ha già segnato 3 gol.

Gli ultimi minuti di gara sono purissima accademia, con l'espulsione di Souprayen che non aiuta gli ospiti. Gli avanti di Di Francesco si mettono al servizio di Under, nell'intento di regalargli la gioia del primo gol stagionale, ma la leziosità non paga quasi mai. A spezzare il predominio ci prova Pazzini, che al 74' "uccella" Alisson con un bel pallonetto ed infila in rete, ma l'arbitro annulla per offside dell'attaccante. La Roma si disunisce nei venti minuti finali, concedendo il fianco spesso alle scorribande di Verde e compagni, anche se è sempre Dzeko, con Schick, a rendersi maggiormente pericoloso dalle parti di Nicolas.