Pisa, 69enne muore dopo essersi sottoposto ad una Tac di routine

06 Ottobre, 2017, 10:52 | Autore: Rufina Vignone
  • Napoli. Muore un 50 enne durante una tac

All'Ospedale del Mare di Napoli è morto l'altro ieri un medico di 50 anni dopo un iniziale ricovero in urgenza tramite il 118 al San Giovanni Bosco. Improvvisamente però il quadro clinico del 50enne è peggiorato, tanto da portare al decesso, avvenuto alle 12.40 di martedì 3 ottobre. Alla denuncia della donna è seguito il sequestro della cartella clinica e la disposizione del sequestro della salma su cui sarà eseguita l'autopsia. Il paziente dopo alcune ore nel pronto soccorso ricoverato sulla barella dell'ambulanza, è stato trasferito all'Ospedale del mare nel reparto di Medicina.

"L'indagine - spiega all'ANSA Mario Forlenza, direttore generale dell'Asl Napoli - è stata disposta perché c'è una denuncia". I presunti ritardi denunciati da moglie e parenti. Da quanto emerso, non era la prima volta che l'uomo, che aveva subito un intervento a un rene, si sottoponeva a questo esame diagnostico che doveva essere un controllo periodico all'interno del percorso di follow-up dopo la terapia oncologica.

Alle 2 di notte un chirurgo dispone immediatamente una Tac, ed è qui che la situazione precipita: l'uomo, infatti, secondo quanto dichiarato dai medici, avrebbe avuto un infarto durante l'esame. Essendo già state praticate l'ecografia addominale e le altre indagini di ingresso per la diagnosi e dunque per evitare altre radiazioni al paziente. Spetterà alla Magistratura valutare se la morte del medico sia stata determinata da un effettivo ritardo della struttura ospedaliera o da altra fattori indipendenti.