Casa » Sport

Disastro Ferrari, Vettel costretto al ritiro per problemi tecnici

10 Ottobre, 2017, 03:10 | Autore: Ave Pintor
  • 2017 Japanese Grand Prix Friday – Wolfgang Wilhelm

Il pilota tedesco costretto al ritiro al giro 5 per un problema alla candela d'accensione. La Ferrari conclude il weekend di Suzuka con il 5º posto di Kimi Raikkonen, in rimonta dopo una partenza disastrosa Nelle ultime tre gare, la rossa di Maranello, ha ottenuto solamente un 5º posto con la Ferrari di Raikkonen.

Il campione britannico con questo successo ha messo le mani sul mondiale staccando il ferrarista Vettel a 59 punti, che dovrebbe compiere un'impresa per riaprire i giochi, ma che ora deve anche guardarsi le spalle dall'altro Mercedes Bottas che si è avvicinato a -13. Secondo: perché i meccanici non hanno sostituito le candele sull'auto di Vettel in griglia se davvero avevano gà intuito quale fosse il problema?

Nelle qualifiche di sabato, le Mercedes di Hamilton e Bottas hanno fatto registrare i due migliori tempi sul giro, ma Bottas è stato poi penalizzato per aver sostituito il cambio alla sua monoposto, ed è stato retrocesso di cinque posizioni. "Le Ferrari sono state forti per tutto l'anno, ma posso togliermi il cappelo davanti al mio team, grazie mille a tutti i ragazzi". Per quanto riguarda le altre posizioni: ancora ottima prestazione della Force India che piazza Esteban Ocon e Sergio Perez rispettivamente al sesto e settimo posto. Si tratta di una Suzuka stregata, quella che nel 2006 mandò in fumo la Ferrari di un Michael Schumacher ancora in lotta per il Mondiale contro Fernando Alonso. Piatto servito: Lewis Hamilton vince in scioltezza, Sebastian Vettel è costretto al ritiro.

Ciò che non è normale per niente è vedere un quattro volte campione del mondo infilato contemporaneamente dal lato da Ricciardo e Ocon come fosse un doppiato. Terzo e ultimo dubbio: a cosa è dovuta questa improvvisa crisi di affidabilità della Ferrari, fra candele rotte e collettori del turbo che si crepano, che in una settimana ha fatto svanire il sogno del mondiale?

La classifica recita: Hamilton 306, Vettel 247, Bottas 234, Ricciardo, 192, Raikkonen 148, Verstappen 111.

Da quando la Red Bull è progredita corre gare mostruose. Questa volta Bottas sembra aver trovato il giusto ritmo riuscendo, nelle fasi finali, ad avvicinarsi a Daniel Ricciardo. La Ferrari ha guidato il mondiale fino ad agosto, poi ha perso la leadership a Monza di pochi punti ma i guai sono arrivati esattamente dopo la gara di casa e, osiamo dire, addirittura dopo Singapore. Game over. E' stato bello finchè è durato, ma ora è finita. "Abbiano cercato di resettare per stare lì, ma non si poteva fare nulla".