Marcia su Roma, Forza Nuova insiste

12 Ottobre, 2017, 15:36 | Autore: Menodora Allio
  • "Tutto per la patria". Il 28 ottobre la marcia su Roma di Forza Nuova

Forza Nuova non si ferma, vuole celebrare l'anniversario della Marcia su Roma di Benito Mussolini, il 28 ottobre prossimo, con la sua "Marcia dei Patrioti". Ma i divieti non sembrano aver toccato i militanti che su Facebook precisano: "Il concentramento è fissato nello stesso luogo alle ore 15; il corteo partirà alle ore 16".

Non ci sarà nessuna marcia su Roma: "con le motivazioni da me già espresse in Parlamento ho già dato disposizione al questore di Roma di non concedere l'autorizzazione".

Il ministro dell'Interno, Marco Minniti, ha assicurato che non ci sarà né la marcia su Roma né altra manifestazione di Forza Nuova.

Forza Nuova non molla la presa, nonostante il no del Viminale e l'autorizzazione ancora non pervenuta dalla Questura di Roma. "Ho consegnato la comunicazione necessaria per l'autorizzazione con un percorso non centrale, ma che definirei 'romanissimo' - ha spiegato il leader di Fn Roberto Fiore -".

Come anticipato dall'agenzia Askanews lo scorso 27 settembre, gli organizzatori hanno modificato lo slogan dell'iniziativa, che sarà "Tutto per la Patria", anche se l'originario "Marcia dei patrioti" (che appunto richiamava la marcia fascista) rimane sullo sfondo ed è ampiamente utilizzato da Forza Nuova per promuovere la mobilitazione e uno degli hashtag utilizzati è proprio #MARCIADEIPATRIOTI. Il tema, poi, si potrebbe definire costituzionale: "accoglie, infatti, le preoccupazioni di tanti che vedono le libertà degli italiani restringersi sempre di più, mi riferisco al diritto di criticare l'invasione e le continue discriminazioni antitaliane". "La Marcia su Roma non può e non deve ripetersi", aveva twittato la sindaca. Roberto Fiore aveva replicato alle critiche negando il carattere "filofascista" della marcia, a suo dire fatta solo per fini "patriottici".

Adesso, oltre alla data, ci sono anche un luogo preciso e un orario. "Non si tratta più di semplici boutade, ma di un piano eversivo che va sconfitto", afferma il presidente romano dell'associazione, Fabrizio De Sanctis.