Nuovo strappo per Carige, aumento da domani

22 Novembre, 2017, 13:38 | Autore: Nazario Acquaviva
  • Carige: volatilità in borsa all'avvio dell'aumento di capitale

Tra i fondi presenti ci sarebbe anche Marshall Wace, hedge fund che aveva fatto un'apparizione nel capitale di Carige nel 2016.

Ciò che conta, almeno per il momento, è che l'aumento di capitale di Banca Carige ci sarà; il rischio di risoluzione dell'istituto ligure appare ora definitivamente scongiurato.

Sia i soci storici sia un primo nucleo di investitori istituzionali hanno tuttavia dichiarato di essere pronti a sottoscrivere l'operazione, così come dovrebbero partecipare gli investitori istituzionali detentori di bond senior dopo l'operazione di Lme delle scorse settimane, cui è destinato un aumento riservato da ulteriori 60 milioni di euro massimi. Stabilizzandosi a questi valori, le azioni Carige si allineerebbero sostanzialmente ai prezzi a cui avverrà l'aumento di capitale: l'operazione infatti, che dovrebbe partire dopodomani, prevede una offerta agli azionisti ordinari e di risparmio di 60 nuove azioni per ogni vecchia attualmente posseduta e un prezzo di sottoscrizione dei nuovi titoli di 0,01 euro ciascuna.

Vento in poppa e vele spiegate per Banca Carige che riprende la sua traversata verso la rinascita in anticipo di sette giorni rispetto al calendario di borsa. Dopo il via libera della Consob all'aumento di capitale, in Borsa sono passate di mano oltre 80 milioni di azioni, pari a quasi il 10% del capitale. Quindi "sussiste il rischio che l'emittente possa essere costretta ad assumere ulteriori iniziative di rafforzamento patrimoniale al fine di rispettare i requisiti patrimoniali e i target fissati in termini di ammontare di Crediti Deteriorati dall'Autorità di vigilanza con effetti negativi rilevanti sulla situazione economico-patrimoniale e finanziaria, nonché sulla prospettiva della continuità aziendale della banca e del gruppo". La banca centrale "ha inoltre espresso incertezza in merito alla capacità della banca di generare profitti sottolineando come, nel lungo periodo, la capacità di continuare ad operare quale banca stand alone e di realizzare un piano di business sostenibile è legata anche all'attuazione di misure dirette a migliorare la redditività quali, ad esempio, misure aggiuntive di contenimento dei costi".

È il d-day di Banca Carige. E' questo il prezzo stimato delle spese, inclusivo delle commissioni da riconoscere ai membri del consorzio di garanzia e a Equita Sim, al lordo dell'effetto fiscale (14,7 milioni), che l'emittente sosterrà a prescindere dal perfezionamento dell'aumento di capitale.

"Molti azionisti piccoli privati spero ridiano fiducia - auspica il governatore - a una banca che nei suoi fondamentali è solida, ha una buona liquidità, una patrimonializzazione immobiliare molto importante, un radicamento sul territorio Liguria e una fiducia da parte di imprese e cittadini ancora molto potente".