Casa » Sport

Juve, col Barcellona è quasi una finale e Dybala sfida Messi

23 Novembre, 2017, 01:03 | Autore: Ave Pintor
  • Juventus-Barcellona Marotta “Senza Messi restano fortissimi. Difesa? Problema risolvibile”

In chiusura, sulle attenzioni della squadra: "Nell'insconcio dei calciatori c'è la convinzione che la Champions è importante, sta a noi trasmettere la mentalità vincente anche per le partite di campionato, la dimostrazione si è vista a Marassi". Le emozioni, in questi precedenti, non sono affatto mancate e portano il nome di Leo Messi e Paulo Dybala: una doppietta per l'uno e una doppietta per l'altro, così da tenere in parità anche quest'altro dato. Per me è un onore giocare insieme a lui in Nazionale. La Juve, stasera contro il Barcellona, cerca un successo per blindare l'accesso agli ottavi di Champions, così da non dover cercare il colpaccio all'ultimo turno nello stadio-bolgia dell'Olympiacos, nel bel mezzo dei big match contro Napoli e Inter. Il 24enne attaccante argentino, da sempre nel mirino delle big d'Europa come Real Madrid e Manchester United, non se la sente di promettere ciò che nel calcio è impossibile: la fedeltà ad un'unica maglia. "Non posso prometterlo. Ma non dico neanche che questo sarà il mio ultimo anno a Torino".

Conquistare il terzo scudetto in tre stagioni in bianconero e arrivare in fondo alla Champions League 2017/2018 sono le priorità di squadra. Ci ha trascinati al Mondiale con la tripletta all'Ecuador, è un leader nato. "Mi piacerebbe giocarmelo alla pari con Neymar in futuro, al momento però è lui quello più vicino a vincerlo essendo più vicino a Messi e a Cristiano Ronaldo come livello - il pensiero di Dybala - Io devo lavorare per migliorare e vincere trofei". E' uno dei migliori che abbia mai visto giocare. "Buffon? Ha 40 anni ma è come ne avesse 20, è una leggenda e per questo è rispettato da tutti". Una volta davanti a un falò tra amici abbiamo espresso tutti un desiderio: "il mio era proprio vincere il Pallone d'Oro". Anche la partenza di Pogba è stato un duro colpo: "oltre all'intesa in campo c'era anche quella fuori, siamo molto amici".