Zaia: "Il Veneto non è mai stato no vax"

23 Novembre, 2017, 20:19 | Autore: Cleonico Iarussi
  • Zaia: «Il Veneto non è mai stato no vax»

"Così lo Stato ha compiuto fino in fondo la sua funzione e la Consulta si è espressa nella piena garanzia della Costituzione legittimando pienamente Parlamento e Governo nel loro operato in materia di prevenzione e intervento sanitario" dichiara in una nota la deputata del Partito Democratico Daniela Sbrollini.

"A Roma si continua a banalizzare, si pensa che la cura, che sarebbe l'autonomia, si possa sostituire con amputazioni ad hoc".

"Siamo l'unica regione ad aver portato, in una giornata di diluvio universale, il 57 per cento dei cittadini a votare al referendum e dire sì all'autonomia - gli ha replicato Zaia -". Domani sarà Cortina d'Ampezzo, poi chissà. "Di questo passo daremo uno sbocco al mare al Trentino", ha commentato con ironia Zaia.

"Prendiamo atto di questa sentenza della Consulta, che rispettiamo". Montecitorio ieri ha votato il trasloco amministrativo della cittadina del bellunese creando però un precedente che potrà essere invocato da altri Comuni, soprattutto da quelli a vocazione turistica che ambiscono a giovarsi della generosa legislazione di sostegno varata dalla regione Friuli Venezia Giulia.

"Con la sentenza di oggi, secondo Zaia, "si scrive la parola fine su un modello su cui ci siamo spesi, anche culturalmente, con un dialogo con le famiglie, e si passa alla coercizione". Sappada non entra nella nostra regione come una bandierina sulla carta geografica, ma accolta come il ritorno di una gente rimasta a lungo staccata dal suo ceppo. Ma la presidente della Camera, Laura Boldrini, aveva dato al Veneto soltanto sette giorni per esprimere il "formale parere", scadenza troppo breve che non ha permesso la convocazione del Consiglio. Respinta anche la formale richiesta di rinvio avanzata dal presidente del consiglio regionale del Veneto, Roberto Ciambetti.