L'astice "tatuata": lattina di pepsi impressa sulla chela

01 Dicembre, 2017, 13:48 | Autore: Abelardo Magnotti
  • La foto di questa aragosta è diventato il simbolo della lotta all'inquinamento marino

"Mi sono detta: 'Oh, ma quella è una lattina di Pepsi' - racconta la fotografa - Sembrava che fosse una vera e propria stampa sull'artiglio dell'aragosta". Intervistata dal The Canadian Press, la donna ha detto che ha facilmente riconosciuto la marca visto che è abituata a bere spesso questa bevanda e che la stampa fosse marchiata a fuoco sulla chela.

Il crostaceo, pescato nell'oceano Atlantico al largo delle coste canadesi del Grand Manan, nel New Brunswick, è stato scoperto da Karissa Lindstrand che lavora a bordo del peschereccio dove si occupa di bloccare le chele delle aragoste con gli elastici.

Il curioso avvenimento però riapre una pagina che è bene non chiudere mai: l'inquinamento dei nostri mari. Un'altra ipotesi è quella che il disegno sia parte della confezione in cartone che si è in qualche modo attaccata al crostaceo, o che una parte di una scatola Pepsi sia in qualche modo bloccata sul suo corpo. Ciò che è certo è che la foto ha riportato l'attenzione del mondo sul problema dell'inquinamento. Infatti, la plastica presente è così tenta che in alcune zone del Sud Pacifico sono presenti delle isole giganti, accumuli di rifiuti grandi otto volte la superficie dell'Italia e pari a tutto il Mar Mediterraneo. La foto è diventata immagine simbolo del mare di plastica. Accumuli di detriti abbandonati che rappresentano un pericolo per le specie marine.