Striscia la Notizia, attacchi alla troupe di Vittorio Brumotti. Spari e minacce

03 Dicembre, 2017, 11:21 | Autore: Cleonico Iarussi
  • Brumotti San Basilio

Quarta aggressione per la troupe.

Bologna-Padova-Bologna: non la sfanga la troupe di Striscia la notizia. Nella denuncia gli inviati avrebbero riferito di aver sentito due colpi d'arma da fuoco e che un uomo a volto coperto gli ha lanciato contro un mattone che ha ferito di striscio uno dei cameramen alla gamba.

Nuova aggressione ai danni dell'inviato di Striscia la Notizia, Vittorio Brumotti e della sua troupe. Brumotti è stato anche vittima di ingiurie e minacce di morte. L'aggressione è avvenuta ieri pomeriggio a Roma, durante un'inchiesta sulla droga. Immediatamente da un blocco di case popolari si sono levate urla, insulti e minacce.

Lo stesso inviato Vittorio Brumotti, con due cameraman, come l'altra volta stava filmando movimenti sospetti nel Parco adiacente alla centrale Piazza 8 Agosto, quando è stato inseguito da alcuni giovani. A farci le spese un cameramen impegnato nelle riprese del servizio: ferito ad una gamba ma niente di serio o preoccupante. "L'inviato di Striscia e la troupe, sono saltati sul furgone e si sono allontanati di corsa dal quartiere". La città da Ostia a San Basilio e in altre zone calde, è un far west. Dopo Padova, e soprattutto dopo il pesante affronto subito nel parco della Montagnola di Bologna, la violenza nei confronti di Brumotti e compagni si è consumata a Roma. Quando il cronista si è svelato, estraendo un megafono per denunciare l'accaduto, è stato affrontato da una decina di stranieri, che gli hanno sottratto le telecamere.

Ecco uno stralcio del messaggio pubblicato di recente sul sito di Striscia la Notizia: 'L'inviato di Striscia la Notizia si trovava nel quartiere San Basilio (via Carlo Tanfo, angolo via Gigliotti) per documentare lo spaccio di sostanze stupefacenti che avviene alla luce del sole, gestito da alcune famiglie italiane, a quanto sembra, legate alla camorra...'. Le forze dell'ordine hanno, inoltre, effettuato un sopralluogo e ascoltato molte persone del quartiere nel tentativo di ricostruire fedelmente la dinamica dell'aggressione.