Biotestamento: oggi se ne discute in aula al Senato

06 Dicembre, 2017, 21:08 | Autore: Menodora Allio

Nessun emendamento invece da parte del M5S e dal Pd che ha messo a punto solo un ordine del giorno. Ed era così nell'aria che sempre stamattina il Senato stesso era stato teatro di una conferenza stampa organizzata dalla Lega Nord, cui ha preso parte anche Massimo Gandolfini, promotore del Family Day, che ha parlato di "legge ideologica, antiscientifica, che rischia di aumentare la mortalità, inemendabile": un giudizio durissimo, che si fa anche politico: "Alle prossime elezioni politiche ci ricorderemo chi ha votato questa legge e chi si è opposto, e il nostro apporto contro il referendum costituzionale è stato stimato in 4 milioni di voti". Il voto finale avrà infatti luogo, salvo imprevisti (peraltro non improbabili) giovedì 14 alle ore 13, con dichiarazioni di voto a partire dalle 11. Settantaquattro le proposte di modifica di 'Federazione della Libertà', 28 quelle di Gal, 19 del gruppo Autonomie-Psi-Maie e 7 del Misto. Nel pomeriggio di oggi, a seguito della discussione generale iniziata ieri, il testo dovrebbe giungere definitivamente a Palazzo Madama per l'approvazione definitiva, ma come previsto il ddl è stato subissato da migliaia di emendamenti e proposte di modifica.

Il biotestamento è ormai giunto alla votazione finale in Senato, dopo mesi di ostruzionismo e blocco istituzionale in commissione.

La conferenza dei capigruppo di martedì del Senato ha deciso di porre come primo argomento la legge sul biotestamento. Prima del voto, su richiesta del senatore Roberto Calderoli, c'era stata la verifica del numero legale.

La legge tutela "il diritto alla vita, alla salute, alla dignità e all'autodeterminazione di ogni persona" e stabilisce che nessun trattamento sanitario possa essere iniziato o proseguito in mancanza del libero e informato consenso della persona.