Rottamazione cartelle col nuovo modello DA 2000/17

06 Dicembre, 2017, 17:57 | Autore: Nazario Acquaviva
  • Rottamazione cartelle 2017 terza rata in scadenza cosa succede a chi non paga

Si ricorda inoltre ai contribuenti che è confermata la proroga dal 30 novembre al 7 dicembre 2017 per il pagamento delle rate della definizione agevolata 2016 (dl 193/2016), scadute e non versate a luglio, settembre e novembre 2017.

Rottamazione cartelle: cambiano le regole, cambia anche il modello per aderire alla definizione agevolata.

Ultime ore per rientrare nella prima edizione della rottamazione delle cartelle.

Come si paga il conto della rottamazione Per chi ha scelto di pagare a rate, il 70% delle somme dovute deve essere versato nell'anno 2017 e il restante 30% nel 2018.

Per rimettersi in corsa non è necessario presentare alcuna istanza, ma è sufficiente effettuare il versamento, senza oneri aggiuntivi e senza comunicazioni all'Agenzia delle entrate-Riscossione, utilizzando i bollettini ricevuti con la "Comunicazione delle somme dovute". Le rate invece per chi aderisce alla nuova sanatoria saranno cinque suddiviso tra luglio, settembre, ottobre e novembre 2018 mentre la quinta rata dovrà essere pagata entro il mese di febbraio 2019. In caso di mancato, insufficiente o tardivo versamento dell'unica rata, ovvero di una rata di quelle in cui è stato dilazionato il pagamento delle somme, la rottamazione cartelle non produce effetti e riprendono a decorrere i termini di prescrizione e decadenza per il recupero dei carichi oggetto della dichiarazione. Entro il 30 giugno 2018 si vedranno recapitare i cedolini per il pagamento di tutte le rate saltate che poi dovranno essere saldate interamente entro il 31 luglio.

In alternativa è possibile scaricare il modello DA 2000/17 dal portale agenziaentrateriscossione.gov.it, compilarlo e presentarlo agli sportelli di Agenzia delle entrate-Riscossione.