Il Pd dà precedenza al biotestamento, Zanda: "Approveremo anche Ius soli"

07 Dicembre, 2017, 01:46 | Autore: Menodora Allio
  • Biotestamento subito, ius soli ultimo

"Cioè - precisa il presidente dei senatori della Lega Gian Marco Centinaio - lo discuteranno il giorno del mai.e io sono contento".

Riforma regolamento Senato in Aula 19-20 dicembre La riforma del Regolamento parlamentare del Senato sarà esaminata dall'Aula di Palazzo Madama "tra il 19 e il 20 dicembre".

Ap, il partito del ministro degli Esteri Angelino Alfano, ha detto oggi che vuole delle modifiche al testo (che così tornerebbe a Montecitorio) oppure voterà contro. Avendo il Pd rinunciato a condurre una vera battaglia politica di informazione e di orientamento che coinvolgesse la pubblica opinione e la società civile ed avendo scelto di sottostare ai ricatti dei suoi alleati di centro, la discussione di questa legge non solo ha perduto il primo posto nell'agenda rispetto al biotestamento (e questo è ancora accettabile, dato il grande valore politico e civile che ha questo tema) ma è stata spostata addirittura all'ultimo posto. Questa la decisione presa dalla conferenza dei capigruppo di palazzo Madama, riunita dal pesidente Pietro Grasso. "Non c'è una data" per l'inizio dell'esame "e nel calendario ci sono il biotestamento e la riforma del Regolamento del Senato".

"Lasceremo libertà di coscienza al gruppo sul biotestamento ma vogliamo entrare nel merito del provvedimento visto che la Camera ha potuto analizzarlo e noi no perché lo hanno blindato". "Perché per noi ora la priorità è il disegno di legge sul fine vita", ha affermato invece il presidente dei senatori del Pd, Luigi Zanda. Per cercare di realizzarlo, su proposta del Pd, il calendario si è spinto a prevedere lavori anche nei primi giorni dell'ultima settimana prima di Natale. L'approssimarsi della fine della legislatura rende quindi più lontano il via libera definitivo al disegno di legge.

Diversa invece la vicenda dello ius soli, norma che consentirebbe ai figli di immigrati nati in Italia o giunti in Italia da bambini o comunque scolarizzati di ottenere subito la cittadinanza italiana.