Casa » Sport

Gattuso ha trovato il suo Milan: "Ora giochiamo da squadra"

16 Dicembre, 2017, 18:38 | Autore: Ave Pintor
  • Milan Gattuso

E' ironico che Montolivo si lamenti dell " estate complicata'; è uno dei giocatori che ha maggiormente usufruito della mano di bianco e dei nuovi inserimenti, l'esempio che il 'nuovo' può nobilitare anche il 'vecchio'. Se gli dici di mettersi i guanti e andare in porta loro lo fanno, Borini può fare di tutto, ci mette passione e voglia. Per tanti è una novità vederlo terzino, ma vedendolo allenare non lo è'.

I miglioramenti di Kessie: "Dovete dirmelo voi se ha fatto miglioramenti". La sua condizione deve migliorare ma le sue doti balistiche sono enormi. "Se sviluppiamo a destra preferisco che lui resti bloccato in difesa".

"Vediamo domani, devo capire chi sta bene".

Sull'esperienza faticosa: "Sulla preparazione di tutto, per far funzionare la squadra serve tutto".

SUL MOMENTO ATTUALE: 'Sono molto contento, per me è importante il lavoro settimanale.

La settimana piena di lavoro: "Mi piacerebbe avere qualche giorno in più per lavorare sulla mia squadra ma tanti calciatori si allenano direttamente con le partite, va in difficoltà invece chi gioca meno". "C'è molto orgoglio, mi considero fortunato ad aver vinto così tanto con questa maglia. Voglio questo, non voglio vedere la ricerca della prestazione del singolo ma una squadra che giochi da squadra". Ci può dare una grandissima mano quando sarà in condizione di esprimersi al meglio. Pretendo molto in campo ma poi non entro mai nel loro spogliatoio, do loro responsabilità. Simulando dunque quanto accadrà domenica mattina, i giocatori pranzeranno a Milanello alle 9.30 per poi scendere in campo alle 12.30. Non ci sono figli e figliastri. Avevo visto troppo fatica, non ero contento dei movimenti e di come stavamo in campo, non mi era piaciuto nulla a tre, che poi giocavamo a cinque. Quindi sulla formazione: "Dopo il Rijeka ho parlato con lo staff e con 4-5 giocatori".

Sulla tranquillità: "Voglio ringraziare Mirabelli e Fassone, tutti i giorni non mi fanno mancare nulla".

"So quello che questa squadra, a livello tecnico, può fare ma non basta. Se sbagliamo un pallone ci può stare ma poi dobbiamo sacrificarci per aiutare il compagno a recuperare il pallone". E sono conento che tutti, dalla dirigenza allo staff, mi stanno aiutando. Domani per i rossoneri c'è però una sfida che sa di trappola. Pensavo ci volesse più tempo, ma siamo una squadra. È un segnale importante, c'è condivisione in tutto quello che si fa.

Che auguri fa al Milan del futuro? "Vorrei che quando parli del Milan non pensi a Donnarumma o all'Uefa ma ad un Milan competitivo e vincente". Ha recuperato, verrà con noi. La cosa impressionante è vederlo calciare. Anche Calhanoglu sarà un giocatore importante.

SULLA PARTITA CON IL VERONA: 'Hanno uno stadio che spinge tanto, la nostra storia dice che è un campo maledetto. "Sarà emotivamente complicato giocarci". "Ci metterei la firma per campare la metà di 118 anni".

Il tecnico del Milan, Gennaro Gattuso, ha presentato il match del Bentegodi in conferenza stampa: "Tanti auguri al Milan per il suo compleanno".