Facebook, secondo una ricerca usarlo passivamente ci fa sentire più tristi

18 Dicembre, 2017, 13:21 | Autore: Abelardo Magnotti
  • Facebook farà 'sparire' alcuni post dalle bacheche: ecco la lista

"In generale, quando le persone trascorrono molto tempo dietro l'assorbimento passivo delle informazioni... successivamente si sentono peggio" si legge nell'articolo.

Facebook ammette che i social network possono "far male" soprattutto se utilizzati in maniera sbagliata.

Facebook ha citato uno studio dell'Università del Michigan, che dimostra come degli studenti che hanno semplicemente letto i post della propria home per 10 minuti una volta al giorno, hanno dichiarato di sentirsi peggio rispetto al gruppo usato per la comparazione, a cui era affidato il compito di postare e di scrivere in chat ai propri amici nel social network.

È stato manager di Facebook dal 2007 al 2011, dove ha ricoperto il ruolo di "Manager per la crescita degli utenti"; ora, dopo sei anni di "fedele silenzio", ha deciso di dire apertamente cosa pensa della sua vecchia azienda. L'umore degli studenti del primo gruppo era peggiorato alla fine della giornata rispetto ai partecipanti al secondo gruppo.

I ricercatori di Facebook hanno suggerito che "guardare i profili di altre persone online può portare a confronti sociali negativi". Un'altra teoria è che Internet allontani le persone dai rapporti umani reali.

Dobbiamo ammettere che, malgrado alcuni aspetti negativi, vi sono anche molti lati positivi, poiché i social permettono di comunicare più velocemente, di esprimersi, di incontrare persone con stessi interessi ed attitudini, senza sforzi evidenti; consentendo inoltre di mantenere quei cosiddetti "legami deboli" che altrimenti si annullerebbero senza una costante partecipazione e condivisione favorita, appunto, dai Social. Sembrerebbe mostrare anche un lato terapeutico in persone con problemi quali la depressione. Stiamo parlando di Chamarth Palihapitiya che ha messo probabilmente a nudo una realtà che tutti accettiamo inconsapevolmente e silenziosamente, quella della dipendenza e del malessere sociale procurato dai social network.