Il senatore Altero Matteoli è morto in un incidente stradale sull'Aurelia

18 Dicembre, 2017, 19:00 | Autore: Menodora Allio
  • Matteoli

Matteoli, toscano di Cecina (Livorno) dove era nato nel 1940, aveva cominciato l'impegno nella politica a Pisa nel Msi, poi nel 1994 aveva aderito ad Alleanza Nazionale.

Numerose le testimonianze di affetto di amici e colleghi per un uomo da sempre impegnato nelle istituzioni e conosciutissimo anche in tutta la provincia di Lucca per l'attenzione da sempre dimostrata per il territorio.

"Apprendo con sgomento dell'improvvisa scomparsa dell'ex ministro Altero Matteoli". Ma la notizia della morte è choccante. Inoltre dal 2006 al 2011 ricorprì inoltre la carica di sindaco di Orbetello nella sua Toscana. Per il parlamentare, che viaggiava su una Bmw non c'è stato nulla da fare. Nella notte andò tutto in fumo, compreso gli sforzi di tanti volontari e i soldi racimolati a forza di sottoscrizioni. Eravamo a pranzo qualche giorno fa. "Eravamo su fronti politici avversi ma il legame che si era instaurato in Commissione era caratterizzato da correttezza e profondo rispetto".

Un applauso e un momento di silenzio per Altero Matteoli. Non era del mio partito, ma di quello opposto. Così i coordinatori regionali di Sinistra Italiana Daniela Lastri e Marco Sabatini.

Il segretario del Pd, Matteo Renzi, a nome suo e del Partito democratico, ha espresso con un telegramma sentite condoglianze alla famiglia dell'ex-ministro Altero Matteoli oggi improvvisamente mancato.

Il capogruppo di Forza Italia Renato Brunetta ha letto la notizia dal cellulare esclamando: "Oddio è morto Matteoli". Tre le persone coinvolte nell'impatto, con il politico che non ce l'ha fatta. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookies leggi l'informativa estesa. "Per la Toscana e per noi una grande perdita". Lo schianto frontale con una Nissan è stato potente e non ha lasciato scampo all'ex ministro. Ho il cuore pieno di tristezza. Un uomo che ha fatto tantissimo per la Versilia e la Lucchesia, anche negli anni in cui non ricopriva incarichi di governo al fianco del presidente Silvio Berlusconi. Esposito aggiunge: "Benché su posizioni diverse, in questi cinque anni abbiamo lavorato fianco a fianco e credo che la Commissione abbia fatto un lavoro eccellente". E' stato ministro dell'Ambiente dal 2001 al 2005 e titolare dei Trasporti dal 2008 al 2011. Lo ricordiamo con profonda gratitudine quando, nel 2010, riuscì a liberare 4 milioni di euro da destinare al completamento della rete fognaria a Capezzano, Camaiore e Lido. "Ho perso un amico con cui ho condiviso un percorso lungo decenni". "Non ci sono altre parole".

Questo articolo è stato letto volte.