Apple ammette: rallentiamo i vecchi iPhone (perchè durino di più)

21 Dicembre, 2017, 18:55 | Autore: Abelardo Magnotti
  • Apple ammette: rallentiamo i vecchi iPhone (perchè durino di più)

Sì, Apple riduce la frequenza del processore per far sì che l'autonomia dei suoi vecchi iPhone (ma si presume anche iPad e iPod) possa restare la stessa nel corso degli anni. Questa analisi sembrava confermare l'ormai continua accusa nei confronti dell'azienda secondo cui le recenti versioni del sistema operativo, iOS, sarebbero state create per rallentare gli iPhone più "vecchi", e incoraggiare all'acquisto di modelli recenti: "obsolescenza programmata". La verità, come al solito, probabilmente sta nel mezzo.

Il cambiamento sarà radicale perché si passerà dall'avere due strumenti di sviluppo per due applicazioni (iOS con iPhone e iPad e Mac OS per computer Mac) a un'unica soluzione che consentirà da un lato di avere un negozio virtuale più ricco per quanto riguarda la parte Mac OS e dall'altro applicazioni sempre più aggiornate, al contrario di quanto avviene in questo momento con aggiornamenti che si susseguono per iOS ma non per la controparte desktop.

Tutto torna, dunque. Si tratta di un rimedio per evitare spegnimenti improvvisi dei melafonini.

John Poole, fondatore di Primate Labs, ha creato un grafico tra la salute della batteria e le prestazioni dell'iPhone. "La distribuzione dei punteggi di iPhone 6s con iOS 10.2.0 appare unimodale con un picco attorno al punteggio medio" ha spiegato Poole, aggiungendo: "Tuttavia, la distribuzione dei punteggi di iPhone 6s con iOS 10.2.1 appare multimodale, con un grande picco intorno alla media e diversi picchi più piccoli intorno ai punteggi più bassi". Le batterie agli ioni di litio diventano progressivamente meno capaci di rispondere alle rinnovate esigenze dei nuovi sistemi operativi, ai cosiddetti picchi dovuti alla richiesta di più energia in corrispondenza di maggiori calcoli ed elaborazioni.

La società di Cupertino afferma che il target aziendale è quello di offrire l'esperienza migliore per i propri clienti: questo comprende la volontà di tenere sempre alta e costante l'esperienza d'uso dei dispositivi, a prescindere da che versione di iOS posseggano. Quando succede, l'iPhone si spegne improvvisamente per proteggere le componenti interne, anche se lo smartphone ha ancora un 30-40% di carica. Tramite aggiornamento software Apple ha introdotto un limite di clock piu' basso per la CPU per impedire che il telefono si riavvii all'improvviso. Insomma, un compromesso che gli utenti dei modelli più vecchi devono accettare. Quest'anno, con il rilascio di iOS 11.2, tale funzione è stata inserita anche su iPhone 7 e 7 Plus, gli smartphone presentati da Apple nella seconda metà del 2016.

A porsi il quesito un utente Apple che su Reddit ha fornito prove incontrovertibili rispetto al sospetto calo di prestazioni del suo iPhone 6s, dopo circa un anno di utilizzo. Una carenza comunicativa che riaccenderà inevitabilmente le critiche annose sull'obsolescenza programmata dei dispositivi di Cupertino.