Riordino professioni sanitarie - Il Senato approva la riforma

24 Dicembre, 2017, 05:26 | Autore: Rufina Vignone
  • Riordino professioni sanitarie - Il Senato approva la riforma

Lo afferma il Ministro della Salute Beatrice Lorenzin commentando, in una nota, l'approvazione definitiva al Senato del Ddl in materia di sperimentazione clinica di medicinali nonché disposizioni per il riordino delle professioni sanitarie e per la dirigenza sanitaria del Ministero della salute.

"La legge - sottolinea il Ministro della Salute - prevede nuove norme sulle sperimentazioni cliniche, sulla medicina di genere, pene più severe all'abusivismo sanitario e contro chi commette abusi nelle strutture sanitarie per anziani e disabili". Si prevede inoltre l'individuazione, attraverso successivo decreto ministeriale, di un numero massimo di 40 Comitati etici territoriali (rispetto agli oltre 100 attualmente esistenti), di cui almeno uno per ogni regione, e il riconoscimento di 3 Comitati etici a valenza nazionale, di cui uno riservato alla sperimentazione in ambito pediatrico.

"Il ddl sulla sperimentazione clinica dei medicinali ad uso umano, i Comitati etici, la medicina di genere, la riforma degli ordini professionali e le modalità di riconoscimento delle nuove professioni sanitarie, è stato calendarizzato in aula per questa settimana al terzo posto all'ordine del giorno". I nuovi ordini interesseranno: professioni infermieristiche, professione di ostetrica, tecnici sanitari di radiologia medica, professioni sanitarie tecniche, riabilitazione e prevenzione. Per tutti gli ordini compresi gli esistenti prevista la revisione della disciplina interna.

Per aggirare l'enorme mole di emendamenti che in Commissione Affari sociali chiedevano l'istituzione di nuove professioni sanitaria è stato introdotta una nuova procedura per il riconoscimento delle nuove professioni, a cui potranno accedere anche le associazioni professionali.

NUOVE PROFESSIONI SANITARIE. Il Ddl riscrive la procedura per il riconoscimento di nuove professioni sanitarie, stabilendo un sistema potenzialmente aperto. Vengono riconosciute nuove professioni sanitarie come gli osteopati e i chiropratici e vengono assegnate al Ministero della salute professioni già riconosciute come i biologi, i chimici, gli psicologi e i fisici. Viene inserita un'aggravante quando il reato riguarda una professione sanitaria, e per prevedere la confisca obbligatoria dei beni utilizzati per commettere il reato.

AGGRAVANTE PER REATI COMMESSI CONTRO PERSONE RICOVERATE - Viene aggiunta nel codice penale (art. 61) una circostanza aggravante per i reati contro la persona commessi in danno di persone ricoverate presso strutture sanitarie o presso strutture sociosanitarie residenziali o semiresidenziali, pubbliche o private, ovvero presso strutture socioeducative. Da un lato si istituisce un unico livello del ruolo suddetto, e dall'altro ai dirigenti sanitari del ministero si estendono gli istituti giuridici ed economici previsti per la dirigenza sanitaria del Servizio sanitario nazionale.