E' morta Sofia, per salvarla tentato anche il metodo Stamina

31 Dicembre, 2017, 16:27 | Autore: Rufina Vignone
  • E' morta Sofia, per salvarla tentato anche il metodo Stamina

Vani si sono rivelati anche i ricorsi presentati da Davide Vannoni, presidente della Stamina Foundation, che si proponeva di curare malattie rare e orfane di cure come quella di Sofia mediante l'utilizzo, appunto, delle cellule staminali.

La vicenda della piccola Sofia aveva commosso gli italiani e la sua stori era stata diffusa anche tramite video mostrati in una nota trasmissione televisiva e dai genitori su Facebook, nei quali si mostravano presunti miglioramenti della bimba.

"Ieri sera la nostra piccola straordinaria bambolina Sofia è volata in cielo direttamente dalle braccia di mamma e babbo". Ora per lei non esiste più dolore, c'è solo l " amore. "Grazie a tutti quelli che l'hanno amata e che la ricorderanno nelle loro preghiere". Così Caterina Ceccuti, su facebook, annuncia la morte della figlia, una bambina affetta da una grave malattia neurovegetativa, la leucodistrofia metacromatica. Era una dei bambini sottoposti alle infusioni con il metodo Stamina agli Spedali Civili di Brescia, e i genitori si erano fatti alfieri in prima persona delle battaglie giudiziarie per consentire le infusioni. "Voa Voa! Onlus" si occupa di assistenza socio sanitaria, sostegno psicologico, legale ed economico alle famiglie con figli colpiti da patologie rare, neurodegenerative, diagnosticate in età pediatrica.