Istat: salgono reddito e potere d'acquisto, 'crescita significativa'

05 Gennaio, 2018, 14:25 | Autore: Nazario Acquaviva
  • ITALY-ROME-INFLATION-LOW

Il reddito disponibile delle famiglie consumatrici è aumentato nel terzo trimestre del 2017 dello 0,7% e del 2,1% su base annua. Torna a crescere la propensione al risparmio mentre la pressione fiscale scende al 40,3% del Pil, il valore più basso dal 2011.

Segno positivo anche per la propensione al risparmio che, attestandosi all'8,2%, è cresciuta dello 0,5% rispetto al trimestre precedente anche se è di 0,3 punti inferiore rispetto al 2016. L'"inflazione di fondo", al netto degli energetici e degli alimentari freschi, si attesta a +0,7%, un tasso solo di poco piu' elevato rispetto a quello del 2016 (+0,5%).

Nel terzo trimestre del 2017 la pressione fiscale e' stata pari al 40,3%, in riduzione di 0,4 punti percentuali rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente. Si fa insomma sentire il cosiddetto 'caro vacanza'.

Il deficit/Pil nel terzo trimestre del 2017 e' stato pari al 2,1%, a fronte del 2,4% nel corrispondente trimestre del 2016. Così l'Istituto registra un'impennata, in termini congiunturali, del 27,3% per i prezzi dei voli, del trasporto aereo passeggeri. L'Istat parla di "una crescita significativa". I prezzi dei beni alimentari, per la cura della casa e della persona aumentano dello 0,1% su base mensile e dell'1,3% su base annua (da +1,6% di novembre). Il rialzo segue quattro cali consecutivi, arriva dunque dopo un anno in discesa. Il peso delle tasse sulle tasche degli italiani è stato pari al 40,2% se si considerano invece i primi nove mesi del 2017. Il saldo corrente delle amministrazioni pubbliche e' stato anch'esso positivo, con un'incidenza sul Pil dell'1,3% (0,6% nel terzo trimestre del 2016). Pertanto, a dicembre sia l'"inflazione di fondo", al netto degli energetici e degli alimentari freschi, sia quella al netto dei soli beni energetici confermano le stesse variazioni registrate nel mese precedente (rispettivamente +0,4% e +0,6%). E lo stesso vale per il potere d'acquisto, salito dello 0,8% sul rispetto al trimestre precedente e dell'1,1% in termini tendenziali. L'Istat ha pubblicato anche i dati relativi alle famiglie italiane: migliorano leggermente reddito e potere d'acquisto, aumenta la propensione al risparmio, mentre rallenta la corsa dei consumi.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.