È morta Marina Ripa di Meana

05 Gennaio, 2018, 18:39 | Autore: Cleonico Iarussi
  • Immagine shock

Nel 1964 ha sposato Alessandro Lante della Rovere, grande famiglia aristocratica romana, da cui ha avuto la figlia Lucrezia, nota attrice televisiva; da Lante della Rovere ha divorziato, legandosi sentimentalmente prima al giornalista Livio Jannuzzi, poi al marchese Carlo Ripa di Meana. E' stata questa, con ogni probabilità l'ultima apparizione pubblica di Marina Ripa di Meana e risale al 14 dicembre scorso. Nasce a Reggio Calabria il 21 ottobre 1941 con il nome di Marina Elide Punturieri.

Dalla fine degli anni Settanta ha iniziato ad apparire sempre più spesso in televisione.

Marina è diventata una delle protagoniste della vita mondana di Roma dagli anni Sessanta in poi. Sono arrivati gli impegni nel mondo del cinema e come valletta per Maurizio Costanzo con il quale il rapporto si è interrotto bruscamente con una torta da lei lanciata in faccia a Costanzo. Conosce Moravia e Pasolini, è amica di artisti e intellettuali. Non ci saranno cerimonie funebri, lunghi discorsi o lacrime per chi come lei ha lottato una vita e lo ha fatto sempre con la stessa grinta, il sorriso e l'energia di sempre.

L'Umbria Marina Ripa di Meana era molto legata all'Umbria tanto che, fino a pochi anni fa, aveva una residenza a Montecastello di Vibio con il marito Carlo. Nel '87 dalla sua biografia è stato tratto il film "I miei primi 40 anni", diretto da Carlo Vanzina con protagonista Carol Alt, che vede la Ripa di Meana tra gli sceneggiatori.

Dagli anni Novanta ha partecipato a svariate campagne contro lo sterminio dei cuccioli delle foche, contro l'uso per moda e vanità delle pelli e delle pellicce, contro le corride, contro gli esperimenti nucleari francesi nell'atollo di Mururoa. Nello stesso anno ha preso parte a una puntata della terza stagione della fiction 'I Cesaroni', trasmessa anch'essa su Canale 5, in cui ha interpretato se stessa.

Consigliato: