Sacchetti bio, Galletti: "Da casa solo se nuovi"

05 Gennaio, 2018, 11:23 | Autore: Nazario Acquaviva
  • Sacchetti biodegradabili a pagamento nei supermercati

Non proprio, perché sulla norma è intervenuto anche il Ministero della Salute che per presunte "motivazioni igieniche" impone che i sacchetti siano monouso, e che si possono sì portare da casa ma sempre a patto che siano nuovi. Sulla questione del riutilizzo degli shopper interviene anche Bruxelles: un portavoce della Commissione Ue ha precisato che la direttiva comunitaria del 2015 sulle buste di plastica ha l'obbiettivi di ridurne l'uso assicurando che non vengano fornite gratuitamente, ma non entra nel merito per quanto riguarda il riutilizzo dei sacchetti per frutta e verdura.

I sacchetti portati dall'esterno devono rispondere quindi ai criteri "previsti dalla normativa sui materiali destinati a venire a contatto con gli alimenti e dovranno risultare non utilizzati in precedenza e rispondenti a criteri igienici che gli esercizi commerciali potranno definire in apposita segnaletica e verificare, stante la responsabilità di garantire l'igiene e la sicurezza delle attrezzature presenti nell'esercizio e degli alimenti venduti alla clientela", si legge nella circolare del Ministero dell'ambiente emessa il 4 gennaio proprio per rispondere alle tante domande emerse con l'entrata in vigore della normativa. "Appare evidente che si tratta di una operazione-trasparenza voluta dal Parlamento unanime". Come ha fatto subito notare Federdistribuzione. Nelle stesse ore, il ministero dell'Ambiente ha diffuso un comunicato affermando che i Paesi europei, e dunque anche l'Italia, "sono tenuti a far pagare le buste di plastica leggere commercializzabili, introducendo il cosiddetto pricing, vale a dire il divieto di fornitura delle medesime buste di plastica a titolo gratuito".

"Parliamo di cibi freschi: vale la normativa igienico sanitaria".

"Il problema - spiega il dirigente del ministero di lungotevere Ripa - inizialmente non era sanitario ma ambientale, poi il ministro dell'Ambiente ci ha chiesto un parere che verosimilmente sarà inserito in una circolare unica dei due dicasteri".

Saldi, 10 regole per non sbagliare acquisti Conservare lo scontrino, perché non è vero che i capi in saldo non si possono cambiare, diffidare degli sconti superiori al 50 per cento e dei capi che non si possono provare.

Insomma gli esercizi commerciali hanno l'obbligo di imporre il pagamento delle bio-buste. In sostanza, spiega l'associazione dei consumatori, se si acquistano prodotti ortofrutticoli senza imbustarli, al momento della pesatura la bilancia addebita in automatico il prezzo del sacchetto, anche se non lo si è acquistato.

Sacchetti da casa per ovviare all'ultimo balzello del governo che ci obbliga a comprare i sacchetti bio?

"Catia Bastioli e la Novamont non sono amici di Renzi: sono amici dell'Italia".