"Chiudete le finestre", allarme nube tossica a Pavia

06 Gennaio, 2018, 01:22 | Autore: Menodora Allio
  • L'incendio del capannone a Corteolona

Rimane, tuttavia, il sospetto di possibili inquinamenti ambientali e ha portato, nella notte, all'evacuazione di un centinaio di persone.

Pavia un vasto incendio è divampato nella notte in un capannone a Corteolona e Genzone, nel Pavese. Sul posto, a Corteolona e Genzone (Pavia), sono impegnati nello spegnimento una trentina di pompieri con un decina di mezzi dei comandi provinciali di Pavia, Milano e di alcune sedi di pompieri volontari della zona. Non si sa con certezza cosa sia bruciato, fra plastiche e altri materiali, ed è allerta per diossina e fumi tossici.

Corteolona (PV) ore 14:00, fiamme domate dai vigili del fuoco, in corso operazioni di smassamento e bonifica. Intanto sul posto è arrivata anche l'Ats che sta dando indicazioni ai sindaci del territorio su come muoversi.

L'abitato di Cascina San Giuseppe è stato evacuato in via precauzionale, in quanto questa frazione è quella che è stata investita in misura maggiore dalla nube che si è spigionata dall'incendio. Non si esclude un'origine dolosa del rogo. Stamani probabilmente si avranno gli esiti informali delle prime campionature dei nuclei Nbcr (Nucleare, batterico, chimico e radiologico) dei vigili del fuoco, in grado di rilevare la presenza dei principali inquinanti e veleni. Si trova nel Pavese orientale, nella pianura alla sinistra dell'Olona.

Il sindaco di Inverno e Monteleone ha detto: 'Siamo in allarme per la nube, ovviamente tossica, visto che stanno bruciando pneumatici e plastica, che si è sprigionata dall'incendio...'.

Un funzionario dell'Arpa, due ore dopo lo scoppio dell'incendio, avrebbe contattato i sindaci dei paesi interessati per chiedergli di monitorare la situazione. Inoltre, i primi cittadini delle località in cui si sono divampate le fiamme raccomandano ai cittadini di non uscire di casa se non strettamente necessario. La Prefettura ha invitato coloro che dovessero avvertire infiammazioni alle vie respiratorie a rivolgersi ai presidi sanitari. "Il sindaco di Corteolona ha anche predisposto a titolo precauzionale spazi idonei ad accogliere presso la palestra comunale le persone eventualmente da evacuare". "A tutela della popolazione residente nelle zone limitrofe - anticipava la nota della Prefettura - è stata svolta una capillare attività di informazione con invito a tenere chiuse le finestre".