Canone Rai: "No abolizione, meglio allargare le esenzioni"

08 Gennaio, 2018, 14:32 | Autore: Nazario Acquaviva
  • Rai canone sì canone no. Ma di cosa stiamo parlando

Si parte con la conferma, anche per il prossimo anno, del canone Rai a 90 Euro, ma le modifiche più importanti sono quelle che riguardano la Web Tax, la tassa di cui vi abbiamo a lungo parlato su queste pagine nelle scorse settimane e che andrà a tassare i ricavi pubblicitari generati dai giganti della Silicon Valley nel nostro paese. Con la legge di stabilità approvata nel dicembre del 2015 (durante il governo Renzi) il costo canone ordinario annuo era stato ridotto ed erano state apportate alcune modifiche alla modalità di pagamento: non più con il bollettino, ma attraverso un addebito nella bolletta elettrica, così che non fosse più possibile evaderlo.

Agenpress - Polemiche tra il ministro dello Sviluppo Economico Carlo Calenda e il segretario Pd Matteo Renzi per il canone RAI, che secondo indiscrezioni quest'ultimo sarebbe intenzionato ad eliminarlo sostituendolo con un finanziamento pubblico.

Dire che sono stupefatto di quanto sta accadendo sul canone Rai è poco. "Abbiamo già individuato i tagli di spesa necessari per questa operazione". Nessuno parla di lotta agli sprechi in Rai se non gli stessi dipendenti, che vedono sperperi in produzioni esterne quando ci sono professionalità interne.

"La Rai è un pezzo dell'Italia per gli italiani nel mondo, teniamocela stretta". Il M5S ha fatto una proposta molto precisa in tal senso inserita nel programma di governo.

"Faremo proposte serie e concrete a differenza delle irrealizzabili favole che raccontano gli altri partiti". E oggi tutti anche a destra a difendere il canone alla Rai perche hanno paura di essere penalizzati in campagna elettorale dalle potenti lobby interne a Rai? Basta pensare che ha fatto fuori il direttore generale Campo dall'Orto subito dopo la sconfitta referendaria del dicembre 2016 considerandolo uno dei colpevoli. Renzi dice invece a Berlusconi: "Attento Silvio che tolgo il canone, aumento la percentuale pubblicitaria in Rai e ti faccio saltare qualche centinaio di milioni, altro che diminuirla!"

Ne nasce un dibattito, Paola Mecali, che si autodefinisce della "truppa renziana", incalza Calenda: "Mi scusi ma lei può esprimere giustamente il suo punto di vista e noi della 'truppa Renziana' non possiamo replicare a quello che dice perché non condiviso?" Però mi rendo conto che la politica è anche questo.